A- A+
Culture
Giulio Sapelli, "Oltre il capitalismo": i segreti del nuovo libro

Con passione e lucidità di analisi, Giulio Sapelli nel suo nuovo libro in uscita il 4 aprile ci conduce, tracciando un affresco memorabile del nostro tempo, oltre il pensiero unico che domina da anni incontrastato. In particolare, oltre il luogo comune per eccellenza, ovvero che esiste e sempre esisterà una sola forma economicosociale dominante di tipo capitalistico.

A fronte di un capitalismo finanziarizzato e tecnologico che genera frammentazione sociale; a fronte di una prassi che ha posto al centro dell’organizzazione sociale il denaro anziché il lavoro; a fronte di classi politiche che si sono ricompattate per riproporre la diade Stato-Mercato che tanti danni ha arrecato al sistema della crescita e dello sviluppo; a fronte di una nuova civiltà che appare all’orizzonte in cui lo 0,1 % della popolazione possiederà le macchine, lo 0,9 % le gestirà e il 99% sarà addetto al poco lavoro non automatizzato o giacerà nell’abisso della disoccupazione; a fronte dell’impossibilità di rassegnarsi a un futuro determinato dall’assenza di lavoro e dalla crescente disuguaglianza, quali le alternative, quale la via di uscita?

Sapelli non lascia insoluta la domanda di fondo, una domanda – come dice De Lucia Lumeno nell’Introduzione – “che quasi fa tremare i polsi: cosa ci sarà, o cosa c’è, appunto, ‘oltre il capitalismo’?”

E la risposta arriva da lontano, da un grande maestro, Adriano Olivetti: solo la rinascita della comunità come sistema di relazioni e di valori potrà consentire la riproduzione di società sempre meno fondate sul mero meccanismo produttivo di creazione del profitto capitalistico.

Un’utopia, sì. Ma anche esperienze già attive, vitali, presenti e connaturate nel tessuto delle nazioni: tutte quelle forme proprietarie della sussidiarietà, come la cooperazione di credito, il not for profit, le imprese morali, il volontariato.

Una sorta di ritorno al sociale e alle virtù della dimensione del civile come antidoto alle tare storiche del capitalismo.

La proposta di questo libro è dunque quella di un neo-socialismo con un nuovo ruolo dello stato imprenditore, sostanziato dalla creazione di nuove forme di allocazione dei diritti di proprietà, in un rifiorire dei corpi intermedi e delle organizzazioni dei lavoratori.

Una «Comunità concreta», insomma, in cui la Persona diventa punto di forza che, sola, può unire comunità e società.

Giulio Sapelli è nato a Torino nel 1947 e ha insegnato in Europa, in Australia e nelle due Americhe e i suoi libri sono tradotti in tutto il mondo. Ha lavorato e lavora come formatore, consulente strategico e consigliere di amministra­zione per importanti imprese internazionali. Nel 2018 gli è stato assegnato il Premio «Manlio Gelmozzi» che va ai più meritevoli sostenitori delle virtù dell’artigianato e delle piccole imprese.

Tags:
giulio sapellioltre il capitalismogiulio nuovo libro
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.