A- A+
Culture
Il seme della speranza di Emiliano Reali. La recensione

Il desiderio di migliorare il mondo è vivo anche tra i personaggi fantasy nati dalla penna creativa di Emiliano Reali. Un romanzo avvincente. Una storia che appassionerà i ragazzi tenendoli col fiato sospeso fino alla conclusione della narrazione.

“Il seme della speranza” (Watson Edizioni) accoglie in sé il “principio speranza”: la bellezza di un seme che germoglia generando come per magia un meraviglioso scenario. Forse è questa l’ambizione dell’Autore che ogni abitante del nostro “villaggio globale” diventi un fiore da curare. Ma ahimè non è così nemmeno nel mondo fantastico de “Il seme della speranza” e ne sono consapevoli Eres, Acerbo, Spyria: “L’armonia non è immutabile. L’incapacità di apprezzare quello che si ha, se non quando lo si sta perdendo, e la predisposizione ad agire mossi da sentimenti negativi mettono in serio pericolo qualsiasi condizione di pace”. Tra folletti del bosco, spiriti divini, re e regine si intesse il racconto che a dir il vero trasporta inaspettatamente nel mito: episodi fantastici sembrano richiamare le peripezie di Ulisse, o di Enea.

Emiliano Reali è molto sensibile ai temi riguardanti i diritti dell’uomo e la salvaguardia dell’ambiente; lo dimostrano i diversi racconti pubblicati come ad esempio “Se Bambi fosse trans?”. Nel genere a lui consono il “fantasy” narra, avvincendo un vasto pubblico in particolare di adolescenti, l’intreccio di personaggi e luoghi tipici di una saga alla “Harry Potter”, che saranno di sicuro coinvolti nella trama ben intessuta dall’Autore de “Il seme della speranza”. Tra la fantasia e la realtà, il bene e il male guerreggiano qui facendo emergere non semplicemente la vittoria dell’uno o dell’altro, quanto la “speranza” che è insita in ogni singolo individuo se solo riuscisse ad alimentarla con la forza dell’amore e del desiderio di cambiamento. Prevale anche il sentimento dell’amicizia. E così, tra pozioni magiche e luoghi fantastici come la “foresta di Ziaburg”: “colma di alberi dalle chiome enormi, fiori dai mille colori, una pace e una calma quasi irreali”, Reali affronta il tema della guerra e l’onerosa questione dell’inquinamento: “Una terribile guerra avvelenava l’universo e Spirya, con difficoltà, aveva nascosto il suo pianeta al popolo dei distruttori, guidato dal feroce Obscuro”. Non solo, nella storia affiora anche il sentimento distruttore dell’odio e del suo opposto l’amore che vince sempre e su tutto: “omnia vincit amor” (Virgilio), supera ogni ostacolo e sconfigge le malvagità. In definitiva, Emiliano Reali attraverso il romanzo fantasy traccia l’umano: i suoi conflitti, le contraddizioni, i sentimenti, le paure ma anche la speranza, d’altronde il filosofo Ernst Bloch lo insegna: “il principio speranza” è indispensabile alla vita affinché l’umano non accetti passivamente la realtà e reagisca con coscienza e responsabilità, tentando di superare le numerose avversità della vita.

Così, con “Il seme della speranza” Emiliano Reali coadiuvato dalle illustrazioni di Pietro Rotelli, dalla mirabolante copertina di Antonello Venditti, e tra elfi, spiriti, divinità, oltre a divertire, infonde nel lettore un senso di protezione e di cura e accende la speranza per creare un mondo migliore possibile, se lo si vuole il cambiamento può avvenire cominciando anzitutto a cambiare se stessi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
il seme della speranzadi emiliano reali.la recensioneil seme della speranza di emiliano reali. la recensione
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare

Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.