A- A+
Culture
Lorenzo Marini alla George Bergèr Gallery di New York

Di Milo Goj

Continua la scalata di Lorenzo Marini al “sistema dell'arte”. A tre mesi dalla doppia personale newyorkese/milanese di aprile, quando espose in contemporanea alla Gallery Center di Manhattan e alle sale/mostre dei Mondadori store, l'artista veneto (ma milanese d'adozione) è presente con sette opere, per un mese, presso la George Bergèr Gallery di New York. Da notare che  al 462 West Broadway, dove ha sede la galleria, sarà l’unico artista italiano in esposizione. Berger, uno dei più noti galleristi Usa, ha come metodo quello di connettere collezionisti, investitori e artisti.

Lorenzo Marini è uno dei più noti creativi italiani, presidente dell'omonimo gruppo di comunicazione. Prima di laurearsi in architettura e di iniziare la carriera di art director, aveva frequentato l'Accademia di belle Arti di Venezia. Da allora, privatamente e in stretto riserbo, ha sviluppato una ricerca pittorica, che ha deciso di rendere pubblica solo nell'autunno 2014. In meno di due anni è stato protagonista di una decina di personali, quasi tutte in spazi pubblici e ha portato 8 grandi tele all'ultima edizione di Art Basel Miami.

Le opere esposte a New York sono state realizzate nello studio di Los Angeles di Marini. Rispetto ai lavori con cui si è presentato al pubblico italiano la monocromia del bianco lascia lo spazio a campiture cromatiche vibranti e vivaci. «L’energia che trovo in America suggerisce un rapporto diverso con i colori e la materia», racconta, «mentre i dipinti italiani sono molto più rarefatti e contemplativi quelli che escono dalle mie notti a Santa Monica risentono di una dimensione mentale diversa, più panteista, più dinamica, più “immersiva”. Non sono mai stato attratto dalle mode e il trendy mi fa orrore. Vivo questo successo arrivato velocemente come uno stimolo e non come un arrivo. Le quotazioni a New York crescono in maniera inaspettata ma io lavoro cercando l’eleganza del silenzio e l’introspezione del pensiero. Preferisco le correnti profonde del mare alla schiuma fluttuante delle onde».

E il ping pong di Marini tra New York e Milano continua a livelli sempre più prestigiosi. L'artista sarà protagonista di una personale dal 3 al 30 ottobre presso la gloriosa Permanente di via Turati, dove presenterà in anteprima a Milano la sua nuova tematica TypeVisual, una ricerca sulla bellezza dell’alfabeto.
 

Tags:
lorenzo marini george bergèr gallery new york
in evidenza
Nicole Minetti su Instagram Profilo vietato agli under 18

Le foto valgono più delle parole...

Nicole Minetti su Instagram
Profilo vietato agli under 18

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia

Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.