A- A+
Culture
Massimo Recalcati, penna preziosa. Il suo libro fa tornare in mente Proust...
Massimo Recalcati

Giornata mondiale del libro


Di recente ho letto un libro bellissimo. Il testo ha un titolo molto singolare “Il lapsus della lettura. Leggere i libri degli altri”. Già il titolo suggerisce la generosità del suo autore. Il volume l’ha pubblicato Castelvecchi, con la postfazione di Cristina Guarnieri. Lo scrittore è Massimo Recalcati, penna preziosa e visionaria della nostra contemporaneità, e anche qui con forza legge le opere di filosofi, biblisti, poeti, psicanalisti, artisti, critici letterari, registi, scrittori.

Potrei fare l’elenco dei nomi che Recalcati interpreta, decodifica, suggerisce, ma preferisco che siano i lettori a scoprire le sue letture, perché è notevole la scelta, è precisa e sincera. Il libro è una mappa meravigliosa di opere, di artisti stupendi. “Il lapsus della lettura. Leggere i libri degli altri” è un testo ponderoso che non annoia mai e cattura dalla prima all’ultima parola. È un libro che sorprende.
 

Massimo RecalcatiMassimo Recalcati
 



Sfogliandolo ho pensato alle mie letture e mi è tornato in mente un passo di Proust, a proposito delle opere e della ferita degli artisti, come spesso Recalcati ricorda. "Sono essi (i nevrotici) e non altri, che hanno fondato la religione e composto i capolavori. Mai il mondo saprà quello che deve loro, e soprattutto ciò che essi hanno sofferto per darglielo. Noi gustiamo le incantevoli musiche, i bei quadri, mille cose raffinate, ma non sappiamo ciò che esse sono costate a coloro che le inventarono, in insonnie, pianti, risa spasmodiche, orticarie, asme, epilessie, e in un'angoscia da morire, che è peggio di tutto quanto."

Le parole di Proust credo che possano accompagnare perfettamente l’intera opera di Recalcati, penso al suo libro dedicato a Van Gogh, le pagine potenti per Telemaco e per Sartre. Recalcati nei suoi libri parte sempre dall’osservazione del dolore, ad esempio dei protagonisti appena citati e narra anche della magnifica possibilità che ognuno di noi ha di trasformare il male in creatività, mettendosi di continuo dalla parte di se stessi. Alleandosi alla verità, dedicandosi alla costruzione di un amore, alla ‘costruzione’ della propria identità e quindi della vita.

A tal proposito scrive Recalcati: “Nella parola di Gesù, il peccato è uno solo: avere paura della vita, seppellire il proprio talento, non fare frutti. Gesù dice: "non temere la vita, non devi avere paura della vita, devi giocare la partita della vita con tutte le tue forze, con le risorse, con i talenti che hai ricevuto. Non metterli sottoterra, non diventare un fico secco.” L'albero non si giudica dal colore della pelle, non si giudica dalla sua etnia, dalla sua lingua. L'albero si giudica dai frutti che produce. Noi siamo i nostri frutti.”

Iscriviti alla newsletter
Tags:
giornata mondiale del libro





in evidenza
William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa

Forti tensioni a Palazzo

William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Con la Panamera Turbo S E-Hybrid e la Panamera GTS Porsche lancia i modelli top di gamma

Con la Panamera Turbo S E-Hybrid e la Panamera GTS Porsche lancia i modelli top di gamma

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.