A- A+
Culture
Mostre/ Calendario Pirelli: 50 anni di seduzione, provocazione, mito
Uwe Ommer, Bahamas, 1984 © The Cal - Collezione Pirelli

di Simonetta M. Rodinò

Nella "Swinging London" degli anni Sessanta, nasce il primo numero del Calendario Pirelli, destinato a divenire un'icona internazionale. E' il 1964.  Nella città libera dell'alternativa si ascoltano i successi dei Beatles e due anni dopo Michelangelo Antonioni girerà la pellicola "Blow- Up". Un'avventura editoriale e non solo che compie 50 anni - in seguito all'interruzione decennale - e viene festeggiata dalla mostra "FORMA E DESIDERIO. The Cal - Collezione Pirelli", dal prossimo 21 novembre a Palazzo Reale di Milano. Una storia consistente dei migliori fotografi di moda. In alcuni casi palestra con qualche "strizzatina d'occhio" verso i lavori degli artisti precedenti. E naturalmente di figure femminili bellissime.

Il calendario, gioco di promozione molto sofisticato, attraverso un primo momento di liberazione sessuale, con la trasformazione delle pin up in opere d'arte, segna nel corso delle edizioni la mutazione del gusto. Se negli anni Sessanta il colore è prorompente, nei Settanta diventa perfetto, per poi essere sostituito frequentemente dal bianco e nero, capace di rendere più poeticità ai soggetti. La rassegna, curata da Walter Guadagnini e Amedeo M. Turello, presenta una selezione di 200 immagini che ripercorrono la storia del calendario, grazie agli scatti firmati da Herb Ritts a Richard Avedon, da Peter Lindberg a Bruce Weber, da Peter Beard a Steve McCurry, da Patrick Demarchelier a Steven Meisel… Nelle cinque sale al piano terreno del Palazzo si susseguono, un po' troppo ravvicinate, le fotografie cui non è stata data una scansione cronologica, ma tematica con gioco di rimandi. La creazione di una realtà parallela è la sfida del segmento "L'incanto del mondo": una voglia di un altrove dove fissare la propria quotidianità. Dalla sezione "Il fotografo e la sua musa", con citazioni dei maestri dell'arte, si passa a "Lo sguardo indiscreto", in cui provocazione, gioco, trasgressione convivono in un mix disinvolto.  La metamorfosi dell'immagine, grazie all'inquadratura, e la trasformazione del mondo a seconda del punto di vista scelto caratterizzano "La natura dell'artificio". L'ultima sala ospita la sezione "Il corpo in scena", una sorta di reportage nel reportage: figure, luoghi, abiti diventano personaggio, palcoscenico, set cinematografico, costume, studio fotografico a indicare il meccanismo che anima ogni realizzazione.
 
"FORMA E DESIDERIO. The Cal - Collezione Pirelli"
Palazzo Reale - Piazza Duomo - Milano
21 novembre - 22 febbraio 2015
Orari: lunedì 14.30 - 19.30; martedì, mercoledì, venerdì e domenica 9.30 - 19.30; giovedì e sabato 9.30 - 22.30.
Ingresso: intero € 10,00; ridotto € 8,50; ridotto speciale € 5,00.
Info e ticket online: www.mostrathecalpirelli.it

 

Tags:
mostrecalendario
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
La nuova Peugeot 308 diventa premium

La nuova Peugeot 308 diventa premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.