A- A+
Culture
Musica: il reggae ora diventa patrimonio culturale immateriale

La musica reggae diventa patrimonio culturale immateriale dell'Unesco. I ritmi caraibici cadenzati e rilassanti, che hanno riscosso fama internazionale grazie ad artisti come Bob Marley e Dennis Brown, si sono assicurati un posto al sole fra i tesori culturali globali delle Nazioni unite. L'agenzia culturale e scientifica dell'Onu ha aggiunto il genere musicale nato in Giamaica negli anni '60 al "patrimonio culturale immateriale" ritenuto meritevole di protezione e promozione. Nella cultura popolare al reggae sono state associate le acconciature 'dreadlocks', le ciocche di capelli annodate a treccine tipiche di Bob Marley, e anche il consumo della marijuana. 

 

Commenti
    Tags:
    musicareggaebob marleyreggae unescoreggae patrimonio unesco
    in evidenza
    Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

    Sport

    Paola Ferrari in gol, sulla barca
    "Niente filtri". Che bomba, foto

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


    casa, immobiliare
    motori
    Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

    Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.