A- A+
Culture
Ossa nella Cattedrale di Aquisgrana attribuite a Carlo Magno

Dopo 26 anni di ricerche e a 1.200 anni esatti dalla sua morte, gli scienziati hanno annunciato che le ossa sepolte nella cattedrale di Aquisgrana sono quelle di Carlo Magno. I resti umani custoditi nella cappella dedicata al grande imperatore, morto nell’814, appartengono a un uomo insolitamente alto per i suoi tempi, 184 centimetri, magro (78 chili circa) e anziano. Carlo Magno è stato re dei Franchi dal 768 all’814, re dei Longobardi (774-814), e incoronato imperatore del Sacro Romano Impero nell’800 da papa Leone III.

“Sulla base dei risultati degli studi condotti dal 1988 ad oggi, possiamo dire che quasi certamente quelle sono le ossa di Carlo Magno”, ha detto Frank Ruehli, professore presso l’Istituto di Anatomia dell’Università di Zurigo, presentando i risultati insieme con Joachim Schleifring, un antropologo che nel 1988 ha classificato il contenuto della sepoltura (94 ossa e frammenti di ossa) per l’Ufficio della Conservazione dei monumenti archeologici.

Tags:
carlo magno
in evidenza
Emily Ratajkowski e Brad Pitt, la nuova coppia di Hollywood

L'attore e la modella: FOTO

Emily Ratajkowski e Brad Pitt, la nuova coppia di Hollywood


in vetrina
Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile


motori
Mercedes punta sempre di più sul segmento del luxury

Mercedes punta sempre di più sul segmento del luxury

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.