A- A+
Culture
Arte/ Uomo, del nord, laureato e professionista: il collezionista italiano
© Foto Veronafiere-Ennevi

Risiede prevalentemente al Nord (77%), ha un’età media di circa 60 anni (43%), predilige la pittura rispetto ad altre espressioni artistiche (32%), acquista circa 5 opere l’anno (71%) e lo fa prevalentemente per passione (61%) in particolare nelle gallerie e nelle fiere dedicate. E’ il profilo del collezionista italiano d’arte moderna e contemporanea così come emerge dal sondaggio realizzato per ArtVerona | Art Project Fair, in programma a Veronafiere fino a lunedì 17 ottobre, da “Collezione da Tiffany”, il primo blog italiano dedicato al settore.

Sono oltre 200 i collezionisti che hanno rappresentato la piattaforma per la prima indagine su una realtà ancora poco analizzata in Italia, che punta a fotografare lo stato dell’arte del collezionismo italiano, che al Nord trova la sua roccaforte. E se Lombardia (31%), Veneto (17%), Emilia Romagna (11%) e Piemonte (10%) sono le regioni a più alta densità di collezionisti, dove, non a caso, trovano spazio le più importanti fiere di settore, Centro e Sud seguono a distanza con rispettivamente il 14 e il 9 per cento.

Per quanto riguarda l’identikit, la ricerca rivela che il collezionista italiano è in maggioranza maschio (87%), laureato (63%), opera nel settore dei servizi (64%) ed esercita prevalentemente la libera professione (39%), superando così gli imprenditori (22%), i manager e gli impiegati, entrambi al 16 per cento.

Ma è sul fronte delle collezioni e del mercato che l’indagine svela le caratteristiche più curiose: la ricerca sfata il luogo comune che vorrebbe il collezionismo d’arte relegato a un fenomeno chiuso, coltivato e tramandato all’interno di famiglie già attive. In realtà il 39% dei collezionisti italiani – la maggioranza - è di prima generazione e ha iniziato ad acquistare tra la metà degli anni novanta e il 2010 (67%), mentre si ferma al 31% la percentuale di quelli che provengono da famiglie di acquirenti. Tra le collezioni di arte moderna e contemporanea a più alto tasso di acquisto, quelle firmate da autori italiani (77% del campione), siano essi storicizzati (34%) o emergenti (35%). Per quanto riguarda il medium, la pittura continua a rappresentare ‘l’oggetto del desiderio’ (32%), seguita dalla scultura (18%), dalla fotografia (15%) e dai disegni (11%).

Tra le motivazioni che spingono il collezionista all’acquisto, il 61% dichiara che è la passione il principale motore di questo mercato di nicchia, mentre per il 33% vale il connubio passione-investimento; solo il 6% lo fa per puro business. Completano l’identikit del collezionista italiano di arte moderna e contemporanea la frequenza e il luogo d’acquisto. Il 71% dei collezionisti compra circa 5 opere all’anno, mentre il 25% alza la posta collocando i propri acquisti tra le 6 e le 10 opere. E se le gallerie d’arte continuano ad essere il luogo privilegiato per gli acquisti (32%), il collezionista italiano sceglie anche le aste (21%) e le fiere (18%). Importante anche il ruolo delle trattative private (10%), mentre marginale il ruolo dell’acquisto 2.0: l’online, infatti, si ferma appena al 5%. Sempre più delimitato anche il canale delle televendite che non supera il 4 per cento.

artverona (2)© Foto Veronafiere-Ennevi
 

ARTVERONA, CLASSIFICHE TOP COLLECTOR 2016: L'ITALIA SI FA STRADA NEL MONDO DEI COLLEZIONISTI

Sarà per la sua storia e l'amore per l'arte e per il bello, sarà perché per gli italiani è da sempre la prima espressione di mecenatismo. In ogni caso non c’è dubbio che l’Italia occupi una posizione di tutto rispetto nel panorama dei grandi investitori del mondo dell’arte e dimostri di giocare un ruolo importante anche al cospetto degli immensi patrimoni russi e americani. A dirlo le classifiche mondiali redatte da tre delle riviste più note del settore Artnet, ArtNews e ArtReview e raccolte da “Collezione da Tiffany”, il primo blog italiano dedicato al collezionismo e al mercato dell’arte contemporanea, proposte a ArtVerona I Art Project Fair, la manifestazione di Veronafiere in programma fino a lunedì 17 ottobre 2016.

Miuccia Prada, Patrizia Sandretto Re Rebaudengo – ospite del programma di ArtVeronaTalk - famiglia Maramotti, Mario Cristiani, Lorenzo Fiaschi e Maurizio Rigillo (Galleria Continua), Massimiliano Gioni, Fabrizio Bertelli e Massimo De Carlo sono le personalità che nelle speciali classifiche rappresentano la vitalità di un settore, quello del collezionismo, in continua crescita. E se da una parte la ‘World’s Top 100 Art Collectors 2016’ di ArtNews conferma il primato dei collezionisti statunitensi, dall'altra svela due novità: l’8° posto del nostro Paese nel ranking dell'arte con le collezioniste Miuccia Prada (74° posto) e Patrizia Sandretto Re Rebaudengo (81° posto) e la presenza sempre più numerosa dei collezionisti cinesi.

Nella ‘Top 200 Collectors 2016’ di ArtNews la classifica che raccoglie i Grandi Collezionisti dell’anno si inserisce, insieme a Prada e Re Rebaudengo, anche la famiglia Maramotti di Reggio Emilia del gruppo Max Mara. Ma è nella lista dei 100 nomi dell’arte più influenti del mondo ‘Art Titans’ di ArtNews che l’Italia entra nella top 20 con ‘Galleria Continua’ di Mario Cristiani, Lorenzo Fiaschi e Maurizio Rigillo; seguiti da Massimiliano Gioni (al 24° posto) che è anche curatore più potente del mondo e dalla coppia di mecenati Miuccia Prada e Fabrizio Bertelli. Per ArtReview infine i nomi italiani sono in ascesa nel ranking dei ‘Power 100’: Massimiliano Gioni si trova al 19°posto (+6 posizioni rispetto al 2014); Mario Cristiani, Lorenzo Fiaschi e Maurizio Rigillo al 69° (più 20 posizioni sul 2014) seguiti da Massimo De Carlo (72°).

Tags:
arte collezionista italiano identikitcollezionare arte italiacollezionisti arte italiani
in evidenza
Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

Stramare, nuova Diletta

Carolina, la musa del calcio
Regina della serie B in tv

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.