A- A+
Distretto Italia
Mille Miglia. La Guardia di Finanza partecipa con due vetture storiche

La Guardia di Finanza, nell’ambito delle celebrazioni del 250° Anniversario di Fondazione del Corpo, ha preso parte con due vetture storiche alla Mille Miglia, la celebre gara riservata alle autovetture costruite tra il 1927 e il 1957, partita oggi da Brescia e che toccherà le città di Torino, Viareggio, Roma, Bologna. Le due vetture, appartenenti alla “raccolta veicoli storici” del Museo Storico del Corpo, sono un’Alfa Romeo 1900 Super del 1954 e una Fiat 1100 del 1958, entrambe guidate da due finanzieri, istruttori di guida operativa del Corpo. Grazie ai due satellitari appositamente installati, i veicoli saranno tracciati in tempo reale e visibili durante l'intero tragitto all'interno di un portale web dedicato.Durante la prima tappa della Mille Miglia, tre motocicli della Guardia di Finanza scorteranno le auto storiche, sulle quali campeggia il logo commemorativo del 250° Anniversario.

 

Alfa Romeo 1900 Super

L’Alfa Romeo 1900 Super, conosciuta anche come “Leonessa” o “Alfone”, fu il primo vero mezzo da inseguimento in dotazione al Corpo. L’esemplare, prodotto in origine con la colorazione “grigio alba” e inizialmente impiegato nell’attività di contrasto al contrabbando, fu successivamente riverniciato di un elegante “nero” e dotato di supporto per asta portabandiera, in modo da essere adibito al trasporto delle Autorità del Corpo. A bordo della vettura, l’equipaggio composto da: Ten. Col. Giuseppe Furno, Lgt. C.S. Cesare Cannata, App. Sc. Q.S. Francesco Manganaro.

 

Fiat 1100

La Fiat 1100 venne impiegata per ogni tipologia di servizio, rivelandosi un ottimo automezzo da inseguimento e da supporto per le indagini dei Nuclei di Polizia Tributaria. A bordo della vettura, l’equipaggio composto da: Ten. Col. Francesca Testaguzza, App. Sc. Q.S. Luciano Palombo, App. Sc. Marcello Pierri.

 

La Mille Miglia all’Accademia di Bergamo

Una delle tappe più significative della Mille Miglia si terrà presso l’Accademia della Guardia di Finanza di Bergamo, dove si svolgerà una gara di regolarità. Per l’occasione, l’Accademia sarà adornata a festa con drappi gialloverdi e tricolori e, al suo interno, verranno esposti alcuni veicoli e motocicli storici come la moto Guzzi 500 Falcone Sport, la moto Morini Corsaro 125 “Testa Piatta”, l’Alfa Romeo Alfetta 2.0 e la Fiat 508 Balilla “Cassonato”.

 

Per il Generale di Divisione Giuseppe ArboreComandante Regionale della Lombardia della Guardia di Finanza: “La presenza della Guardia di Finanza alla Mille Miglia, una delle corse automobilistiche storiche più prestigiose del mondo, è un’occasione per sottolineare il legame tra passato e futuro della Guardia di Finanza, promuovere il nostro impegno al servizio dello Stato e sensibilizzare il pubblico sui temi della legalità e della sicurezza rafforzando la collaborazione tra istituzioni e società civile”.

 

"È un grande onore per noi partecipare a una competizione così importante come la Mille Miglia con due auto storiche di punta. La partecipazione dei Finanzieri a questo evento riveste un’importanza sociale e sportiva. In primis, rappresenta una preziosa opportunità per stare in mezzo alla gente, consolidare legami con la comunità e promuovere una maggiore vicinanza tra la Guardia di Finanza e il cittadino. Al contempo, per noi lo sport è un mezzo efficace per diffondere valori quali lo spirito di sacrificio, la dedizione, il senso di squadra e di appartenenza, che sono fondanti della nostra missione come Corpo”. Ha dichiarato il Generale di Brigata Luigi Macchia, Coordinatore del Comitato degli eventi sportivi per i 250 anni della fondazione del Corpo.

 

 

 






in evidenza
Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."

La confessione intima

Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."


in vetrina
Amazon, le mini case arrivano in Italia: possono costare meno di una macchina

Amazon, le mini case arrivano in Italia: possono costare meno di una macchina


motori
DACIA lancia la sfida della decarbonizzazione di oggi e domani

DACIA lancia la sfida della decarbonizzazione di oggi e domani

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.