A- A+
Economia
Alitalia, Bruxelles detta le condizioni. Sì al marchio, ma personale dimezzato

Alitalia, Bruxelles detta le condizioni. Sì al marchio, ma personale dimezzato

La vicenda infinita Alitalia continua a regalre colpi di scena. La compagnia aerea potrebbe essere salvata per l'ennesima volta. La Commissione europea, infatti, - si legge su Repubblica - è intenzionata a dare il via libera. E il governo italiano è pronto ad accettare buona parte delle condizioni poste da Bruxelles. Nel pomeriggio nella capitale belga ci sarà un incontro a tre. La Commissaria alla concorrenza Vestager con il ministro dello Sviluppo economico Giorgetti e con quello dell’Economia Franco. Si tratta dunque di una riunione in cui sostanzialmente si accenderà il disco verde alla nuova compagnia di bandiera. La firma formale ci sarà nel giro di una settimana. I più ottimisti addirittura cerchiano sul calendario la giornata di venerdì prossimo.

Perché questa è la strada segnata? Tutto ruota attorno ai due finanziamenti ricevuti dalla vecchia Alitalia. Prestiti complessivi per 1,3 miliardi. Su di essi è aperta da mesi una investigazione della Commissione il cui esito è stato sospeso proprio per favorire un’intesa. L’esito, però, è certo: sono fondi “illegali”. Non compatibili con la normativa Ue sugli aiuti di Stato. E allora per evitare che la nuova società venga immediatamente appesantita da un debito-monstre di 1300 milioni, serve una discontinuità visibile.

La soluzione - prosegue Repubblica - ruota intorno al brand. Ossia, il nome “Alitalia” e il logo tricolore non saranno cancellati. Ita probabilmente sarà il nome legale ma il resto continuerà ad essere pienamente utilizzato. Il governo italiano aveva insistito su questo aspetto. Draghi l’aveva definita anche una questione sentimentale. Sugli altri capitoli messi in evidenza da Bruxelles invece Roma accoglierà le richieste della Vestager. Il cuore riguarda l’handling, ossia i servizi di assistenza a terra, e la manutenzione. Entrambi saranno gestiti da società il cui controllo non verrà esercitato da Ita-Nuova Alitalia. Gli aerei della nuova società non supereranno le 60 unità e il personale verrà ridotto quasi del 50 per cento, quindi con circa 5 mila esuberi.

Commenti
    Tags:
    alitaliabruxellesalitalia uealitalia personale dimezzatoalitalia mantiene il marchiogovernogoverno draghi
    S
    i più visti
    in evidenza
    Gioiello di Pessina, Galles ko Ma ora è incubo Belgio di Lukaku

    Euro 2020, super Italia

    Gioiello di Pessina, Galles ko
    Ma ora è incubo Belgio di Lukaku


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

    Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.