A- A+
Economia
Non solo Fiat: la banca centrale cinese entra anche in Telecom e Prysmian

La People's bank of China fa shopping in Italia. Secondo quanto si apprende nelle comunicazioni rilevanti della Consob la banca centrale cinese detiene il 2,081% di Telecom Italia dal 29 luglio. 

L'ingresso in Telecom si affianca a quelli in Eni, Enel, Fiat. Nel dettaglio, alla Banca centrale della Cina fa capo da qualche mese - secondo le tabelle Consob - il 2,102% di Eni e il 2,071% di Enel.

La commissione conferma tra le comunicazioni di oggi anche l'ingresso dell'istituto di Pechino in Fiat, emerso nel corso dell'assemblea del primo agosto, con una quota pari al 2,001% che porta la data del 29 luglio.

Non solo: stando sempre ai documenti Consob, i cinesi hanno mostrato di apprezzare anche Prysmian della quale detengono, al 28 luglio, il 2,018% del capitale.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
banca centrale cinesetelecomprysmianfiatconsob
i più visti
in evidenza
"Un film che rimarrà nella storia" Ennio , intervista al produttore

Esclusiva/ Parla Gianni Russo

"Un film che rimarrà nella storia"
Ennio, intervista al produttore


casa, immobiliare
motori
Nuova Kia Niro, l'auto che si ispira alla sostenibilità

Nuova Kia Niro, l'auto che si ispira alla sostenibilità

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.