A- A+
Economia
Troppi dipendenti in Banca Intesa. Ecco la bozza del piano industriale

di Andrea Deugeni
twitter@andreadeugeni

Non ci sono ancora i numeri, anche se un indicatore del rendimento del capitale e cioè il Roe (return on equity), l'amministratore delegato di Intesa Carlo Messina lo ha già comunicato al mercato, facendo sapere che sarà di oltre il 10% nell'arco di tutto il piano industriale (secondo un sondaggio Abi-Ubs condotto presso grandi investitori internazionali la soglia minima per rendere le banche italiane appetibili sul mercato una volta superata la crisi è del 9%). Ma il piano industriale di Intesa-Sanpaolo, che il Ceo presenterà alla comunità finanziaria il 28 marzo dopo la doppia approvazione dei consigli di sorveglianza e di gestione (in agenda il giorno prima), è già pronto. Almeno nelle grandi linee di intervento.

In una bozza circolata in banca dal titolo "Solidarietà e coesione per una banca semplice a sostegno di famiglie e imprese", paper di cui Affaritaliani.it ha preso visione (e pubblica integrale sotto), la prima banca italiana per numero di filiali parte da una ricognizione dello scenario economico in cui l'istituto di credito opera, per passare poi a un'analisi dei risultati economici del settore bancario italiano nel suo complesso (risultati comparati anche con quelli dei principali Paesi europei) e alle strategie per recuperare redditività.



La bozza conclude la riflessione tracciando i contorni del modello di banca a cui Intesa deve rifarsi. E cioè "una banca commerciale che opera trasformando il risparmio in credito a sostegno di famiglie e imprese per lo sviluppo del territorio di riferimento assicurando agli stessi assistenza e consulenza anche al di fuori della rete fisica su prodotti bancari ed extra bancari".  

Nella testa di Messina, per il prossimo triennio, Intesa-Sanpaolo sarà quindi "una banca che sceglie di concentrarsi sempre di più sulle funzioni commerciali e di consulenza e cioè sulle relazioni con la clientela da sviluppare e svolgere sul territorio, anche al di fuori della rete fisica, con dei tempi e delle modalità innovative che avvicinino ulteriormente la banca a tutti coloro che ad essa si rivolgono".

intesa 500
 
A pagina 28, i vertici del gruppo illustrano i driver per ridefinire le strategie aziendali per recuperare il "declino strutturale della redditività di cui il settore soffre" (pag. 26).  Driver che sono: "La rifocalizzazione sui segmenti di clientela/prodotti e una differenziazione delle modalità di relazione, gli interventi sui prodotti per ridurre gli assorbimenti di capitale, la razionalizzazione degli sportelli e lo sviluppo della multicanalità e la revisione delle procedure di filiale/rete".
 
intesa san paolo
 
Per lo sviluppo delle professionalità dei bancari, attraverso un'indagine Abi-Gfk Eurisko, vengono tracciate a grandi linee i contenuti dell'attività di consulenza che caratterizzeranno le nuove skill del personale: la consulenza verrà offerta anche in orario non lavorativo, avrà per oggetto anche i progetti di vita e sarà anche extrabancaria (fiscale, tributaria, ecc...) oltre che su investimenti e finanziamenti futuri.

A pagina 36, Messina e i suoi collaboratori spiegano che il recupero della redditività passerà attraverso "una profonda riflessione sulla produttività e sul complesso dei costi operativi e, in questo ambito, sulla struttura organizzativa, sui modelli di servizio e sul dimensionamento della rete degli sportelli."

All'interno di questi interventi, oltre alla già avviata razionalizzazione delle società prodotto (vedi polo Mediocredito) rientreranno anche la chiusura delle filiali non in utile e che si sovrappongono sul territorio, oltre alla riduzione del numero dei marchi con cui Intesa opera sul territorio che verranno accorpati secondo la geografia delle principali fondazioni presenti nell'azionariato del gruppo.

Il recupero della redditività passerà anche attraverso il recupero di efficienza del personale che in italia arriva a oltre 65mila lavoratori (oltre 94 mila in tutto il gruppo): la leva principale sarà la riqualificazione professionale che prevede "l'individuazione di nuovi mestieri" (agenti e promotori con il delicato tema dell'inquadramento contrattuale di queste nuove figure), elemento utile per "fronteggiare e/o minimizzare", ammette la banca, "l'oggettivo eccesso di manodopera che interessa il gruppo" (indiscrezioni parlano di un'eccedenza strutturale di almeno 10mila unità).  

Infine, Intesa ha in previsione di agire sulla voce dei costi, ricorrendo anche alla "moderazione salariale".  

 
 

 

 

 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
banca intesacarlo messinapino industriale
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.