A- A+
Economia

Una sentenza sull'Italia che fa tremare i polsi. Secondo la Commissione Europea, il rischio contagio dall'Italia sull'Eurozona resta. Il rapporto sugli squilibri macroeconomici di Bruxelles pubblicato mercoledì e che riguarda 13 Paesi spiega infatti che "il potenziale contagio economico e finanziario al resto dell'area euro resta considerevole se le turbolenze sui mercati finanziari collegate al debito sovrano italiano si intensificheranno di nuovo". "L'alto debito italiano, come la perdita di competitività esterna e la sottostante performance produttiva stagnante continuano a essere il principale squilibrio macroeconomico identificato", aggiunge la Commissione.

SLOvenia

Guarda la fotogallery della grande protesta di piazza anti-austerity e anti-corruzione a Lubiana in Slovenia degli inizi di febbraio

 

Le banche italiane sono diventate più deboli, dice anche Bruxelles. "La resistenza del settore bancario italiano si è seriamente indebolita dalla metà del 2011 minando la capacità delle banche di sostenere l'attivitá economica e gli aggiustamenti", sostiene l'esecutivo Ue. Secondo quanto si legge nel rapporto, "la perdita di accesso delle banche italiane al mercato interbancario mondiale a seguito dell'espandersi all'Italia della crisi del debito sovrano dell'eurozona ha accresciuto in modo significativo la dipendenza dal rifinanziamento dell'eurosistema". Non solo: secondo la Commissione, la doppia recessione in Italia "ha aumentato il rischio del credito al settore privato, appesantendo le banche con una larga quantità di crediti in sofferenza".

L'esecutivo di Bruxelles riconosce che "alcune misure importanti sono state adottate nell'ultimo anno per affrontare questi squilibri", ma "la loro piena attuazione resta una sfida", così come c'è ancora spazio per "azioni ulteriori in molte aree". L'Italia deve fare di più per rafforzare la capacità di risanamento dell'economia italiana intervenendo soprattutto su fisco, scuola e concorrenza. Infatti l'Ue, "pur consapevole degli sforzi che sono già stati fatti dalla fine del 2011", sottolinea nel suo rapporto che sono necessarie ulteriori azioni. In particolare, si tratta di "rafforzare la concorrenza in alcuni mercati di prodotti e servizi, sviluppare un sistema fiscale più favorevole alla crescita, decentralizzare ulteriormente il livello di trattativa salariale, migliorare il sistema scolastico e l'efficienza della pubblica amministrazione".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
banche
i più visti
in evidenza
"Un film che rimarrà nella storia" Ennio , intervista al produttore

Esclusiva/ Parla Gianni Russo

"Un film che rimarrà nella storia"
Ennio, intervista al produttore


casa, immobiliare
motori
Nuova Kia Niro, l'auto che si ispira alla sostenibilità

Nuova Kia Niro, l'auto che si ispira alla sostenibilità

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.