A- A+
Economia

Dalla 'Survey Of Professional Forecasters (Spe)' trimestrale della Bce (che coinvolge 453 previsori non facenti parte dello staff di esperti della Bce) e' emersa la previsione di un calo dello 0,4% del Pil dell'Eurozona del 2013, seguito da una crescita dell'1% nel 2014. Si tratta di un peggioramento rispetto alle stime del primo trimestre, quando il Pil dell'Eurozona era visto invariato nel 2013 e in crescita dell'1,1% nel 2014. Il tasso di disoccupazione e' visto al 12,3% nel 2013 e al 12,2% nel 2014. Anche in questo caso si tratta di un peggioramento rispetto alle stime del primo trimestre (12,1% nel 2013 e 11,9% nel 2014).

E' fondamentale che i governi intensifichino l'attuazione delle riforme strutturali a livello nazionale, basandosi sui progressi compiuti nel risanamento dei conti pubblici e proseguendo le ricapitalizzazioni bancarie ove necessario, afferma la Bce.

Gli esperti ritengono che "il futuro meccanismo di vigilanza unico e il meccanismo di risoluzione unico rappresentano elementi di importanza cruciale per una rinnovata integrazione del sistema bancario e quindi richiedono una rapida attuazione". Lo si legge nel bollettino mensile di Francoforte.

Paesi come Italia, Grecia, Portogallo e Spagna "si contraddistinguono per un potenziale di crescita assai basso e, al tempo stesso, da livelli di debito che il piu' delle volte superano significativamente la media dell'area dell'euro". E tali condizioni rendono "particolarmente difficile ridurre rapidamente i livelli di debito", soprattutto a causa degli elevati spread.(

La riforma del mercato del lavoro in atto in Italia - cosi' come i provvedimenti adottati nello stesso campo da Grecia, Irlanda, Portogallo e Spagna - contempla "alcuni importanti provvedimenti volti ad accrescere la flessibilita' delle strutture di negoziazione salariale e degli orari di lavoro, e a ridurre un'eccessiva tutela del posto di lavoro". "Esse rappresentano i primi passi verso il miglioramento delle dinamiche del mercato del lavoro e della competitivita' in questi paesi, e nell'area dell'euro nel suo insieme".

"In Italia la competitivita' di costo (del lavoro, ndr) non e' migliorata dal 2008". La Bce rileva che in alcuni paesi europei dal 2008 "e' in atto un processo di aggiustamento della competitivita', dove in precedenza i costi del lavoro erano andati aumentando in modo persistente e sugnificativo e ritmi superiori a quelli medi europei". In Irlanda, Spagna e Portogallo il "maggiore contributo alla migliorata competitivita'in termini di costo del lavoro e' provenuto dall'aumento della produttivita' media".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bcepilcrisidisoccupazione
i più visti
in evidenza
"Un film che rimarrà nella storia" Ennio , intervista al produttore

Esclusiva/ Parla Gianni Russo

"Un film che rimarrà nella storia"
Ennio, intervista al produttore


casa, immobiliare
motori
Mercedes e Luminar insieme per accelerare sulla guida autonoma

Mercedes e Luminar insieme per accelerare sulla guida autonoma

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.