A- A+
Economia
Borse europee in rosso. Piazza Affari -1,33%. Banco Espirito ko

Le borse europee chiudono negative a causa della deludente lettura dell'indice Zew sulla fiducia degli investitori nell'economia tedesca, scesa ai minimi dal dicembre 2012. Pesano anche i dati inferiori alle attese sulle vendite al dettaglio negli Usa e le dichiarazioni del presidente della Fed, Janet Yellen che, nel corso di un'audizione al Senato, ha alluso alla possibilita' di un rialzo dei tassi più rapido del previsto e al rischio di una bolla nei settori dei social media e delle biotecnologie, spingendo in ribasso Wall Street.

Maglia nera a Piazza Affari, dove l'indice Ftse Mib cede l'1,33% a 20.422,95 punti. Il Dax di Francoforte perde lo 0,65% a 9.719,41 punti, l'Ftse 100 di Londra arretra dello 0,53% a 6.710,45 punti, il Cac 40 di Parigi segna -1,03% a 4.305,31 punti, l'Ibex di Madrid scende dell'1,23% a 10.475,9 punti.

Le Borse (e soprattutto i titoli bancari che ha Piazza Affari hanno un forte peso specifico) sono state influenzati anche dal destino del Banco Espirito Santo. L'istituto portoghese ha perso oggi l'11,46% (dopo il -7,5% e il -35% della scorsa settimana). Ieri il maggiore azionista del Banco Espirito Santo (Bes), la holding Espirito Santo Financial Group dell'omonima famiglia portoghese, ha annunciato di aver ridotto la sua partecipazione nell'istituto dal 24,99% al 20,1% del capitale, per onorare le scadenze del suo debito.

Le difficoltà della holding portoghese la scorsa settimana hanno creato forte nervosismo su tutti i mercati europei, facendo tornare lo spettro di una crisi bancaria. La Banca centrale portoghese, intanto, ha fatto convocare il cda di Bes domenica sera per cooptare nuovi vertici in vista dell'assemblea del prossimo 31 luglio.

Sul listino milanese, in evidenza Mps (+2,68%) con il riavvio della copertura da parte di Morgan Stanley; giu' Mediobanca (-4,38%) dopo un report della stessa Morgan Stanley; scende Telecom (-3,15%), su Fiat (+0,47%). In ordine sparso le banche, nel giorno delle trimestrali di Jp Morgan e Goldman Sachs: salgono Banco Popolare (+1,4%) e Bper (+0,31%), quest'ultima alle prese con l'ultima settimana dell'aumento di capitale. In calo, invece, Unicredit (-2,11%) e Intesa Sanpaolo (-1,61%). Ribassi anche per Generali (-1,42%), all'indomani della cessione della svizzera Bsi, e Unipolsai (-1,44%). Segni negativi nel comparto energetico: Enel segna -2,33% ed Eni chiude a -1,02%. Tra gli industriali, rosso per Pirelli (-0,69%) e Finmeccanica (-1,52%). Buzzi cede il 2,74%.

Tags:
borsapiazza affarinikkeiwall streetspread
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Jeep Compass: grazie agli incentivi è ancora più facile sceglierla

Jeep Compass: grazie agli incentivi è ancora più facile sceglierla

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.