A- A+
Economia
Bruxelles gela Padoan: "Fondi Ue non utilizzabili per il cuneo"

La Commissione europea ha ribadito oggi le regole sull'uso dei fondi strutturali sottolineando che tali fondi non possono essere utilizzati per la riduzione della pressione fiscale. Lo ha detto Shirin Wheeler, portavoce del commissario Ue alle politiche regionali, Johannhes Hahn, rispondendo ai giornalisti che le ponevano questa domanda.

I fondi strutturali "non possono essere usati per la riduzione delle imposte," ha detto la portavoce. In una nota inviata ai giornalisti, la portavoce fa diretto riferimento al cuneo fiscale e alla situazione italiana. I fondi strutturali "non possono essere usati per coprire la riduzione di imposte, come quella potenzialmente legate al cuneo fiscale, cio¿ alla differenza tra le imposte sul lavoro ed il costo del lavoro, come suggerito da alcuni osservatori," si legge nella nota della portavoce.

"Stiamo quindi dicendo all'Italia, come a qualsiasi altro Stato Membro dell'Unione, che le regole dei fondi permettono di finanziare con risorse nazionali progetti concreti per offrire, per esempio, aiuti per lo start up o per l'espansione produttiva e occupazionale dell'industria manifatturiere, o operazioni per ridurre la dispersione scolastica," aggiunge la nota.

Tags:
bruxellesfondi uepadoancuneo fiscale
S
i più visti
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente


casa, immobiliare
motori
Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.