A- A+
Economia
Confindustria, Bonomi contro Meloni: la crescita dell'Italia è ferma
Giorgia Meloni e Carlo Bonomi

Confindustria, scende l’inflazione ma la crescita è ferma

A nemmeo 24 ore dal giudizio positivo che l'agenzia di rating americana Moody's ha assegnato all'economia italiana- premiando la strategia prudente sui conti- che una nuova doccia fredda si abbatte sul governo Meloni: secondo il Centro Studi di Confindustria "la crescita dell’economia italiana è ferma, anche i servizi sono in flessione e l’industria ancora debole". Il Pil italiano, si legge nalla congiuntura flash, "è rimasto fermo nel terzo trimestre e gli indicatori dicono che all’inizio del quarto l’attività nei servizi è in lieve calo, come nell’industria". 

LEGGI ANCHE: Pensioni e assegno unico: rialzi. Tasse, nuovo calo. Anteprima: i dettagli

Anche se l'inflazione è in frenata in Italia, i tassi sono alti e forse non ancora fermi, perciò il credito è troppo caro e meno disponibile. "Anche se il rialzo dei prezzi è tornato sotto il 2,0%, i tassi sono ai massimi e bloccano il canale del credito, frenando consumi e investimenti, mentre l’export aiuta poco", si legge nell'analisi. Nello specifico, l'inflazione si è ridotta bruscamente a ottobre a +1,7% annuo (da +5,3% a settembre), grazie a un “effetto base” molto favorevole sui prezzi energetici, crollati al -19,7% annuo (+26,8% nello stesso mese del 2022 a causa del picco del gas). I prezzi core di beni e servizi continuano a frenare ma solo lentamente (+3,7%), come quelli alimentari (+6,3%), grazie alla parziale moderazione delle commodity. Sono valori non ancora pienamente in linea con la soglia del +2,0%.  

Entrando nel vivo dei tassi, il Centro studi di Confindustria osserva che a inizio novembre la Federal Reserve ha tenuto, per la seconda volta, fermo il tasso Usa (a 5,50%), come pure la Bce a fine ottobre (4,50%). Lo scenario base è che i tassi sono giunti ai massimi, come indicano i future, che scontano i primi tagli nel 2024. Tuttavia, il presidente Jerome Powell ha sottolineato il rischio di nuovi rialzi, se la crescita Usa non frena e l’inflazione resta alta (+3,2%); e la numero uno della Bce Christine Lagarde ha ribadito che altri rialzi potrebbero esserci anche nell’Eurozona, in caso di nuovi 'shock' che modifichino lo scenario.  In tale scenario, la situazione del credito per le imprese italiane è peggiorata: il costo è salito al 5,35% a settembre, la caduta dei prestiti è arrivata al -6,7% annuo. Nel terzo trimestre, infatti, la domanda ha continuato a ridursi per i tassi troppo alti e i criteri di offerta sono divenuti più rigidi: sempre più imprese restano senza credito. 

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni

Le due star vogliono diventare solisti

Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni


motori
La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.