A- A+
Economia

 

assemblea di confindustria a roima (4)

twitter@andreadeugeni

Mentre è in corso a Durban il vertice dei Brics (acronimo coniato dalla banca d'affari Usa Goldman Sachs per indicare l'area dei Paesi emergenti a forti tassi di crescita come Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica), secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it nei piani alti di Confindustria, il presidente Giorgio Squinzi pensa alla creazione di una filiale di Confindustria ad hoc per questi Paesi per accompagnare meglio il processo di internazionalizzazione delle imprese italiane in quest'area.

Il modello, secondo quanto spiegano fonti interne della federazione di viale dell'astronomia a Roma, è quello della Confindustria Balcani, confederazione che affianca le imprese tricolori sul territorio d'investimento con servizi di consulenza a 360°. Modello che Squinzi vuole replicare nei Brics, l'area più dinamica del globo entro cui l'interscambio commerciale arriverà circa a quota 500 miliardi di dollari entro il 2015, partendo dal Sudamerica con Confindustria Brasile.

Oltre all'attuale presenza in terra carioca di campioni nazionali del calibro di Fiat, Pirelli, Telecom Impregilo, ciò che ha spinto il numero uno degli imprenditori a partire dal Brasile, è la fitta agenda di appuntamenti sportivi che stanno per partire Oltreoceano: dalla Giornata mondiale della Gioventù e confederation cup di quest'anno ai campionati mondiali di calcio nel 2014 e dalla Coppa America del 2015 alle Olimpiadi del 2016. Eventi per i quali il governo, guidato prima da Inacio Lula e da Dilma Rousseff poi, ha investito oltre 70 miliardi di euro che si andranno ad aggiungere agli altri 190 messi in campo per la realizzazione di un'ampia rete di infrastrutture, ad altri 20 per sviluppare il sistema portuale e ammodernare così il Paese. Un mercato da 190 milioni di consumatori, con un'estensione geografica pari a 27 volte l'Italia, che lo scorso anno ha attirato investimenti esteri diretti per 65 miliardi di dollari (il 2,9% del Pil) e dai fondamentali solidi: nelle fasi più acute della crisi il differenziale di rendimento dei titoli di Stato brasiliani a dieci anni con gli omologhi government-bond statunitensi ha toccato il punto massimo di solo 200 punti base.

Sede Confindustria

Molto indietro nel confronto diretto con India e Cina, le infrastrutture sono infatti il punto debole del Brasile, ma anche il settore con le maggiori potenzialità di crescita. La Rousseff, economista che ha raccolto l'eredità di Lula, ha deciso di coinvolgere i privati per il finanziamento, la progettazione, la realizzazione e la gestione delle grandi opere. Volano che nei piani di Brasilia dovrebbe riportare l'economia del Paese, in rallentamento nel 2012 (0,9%, rispetto al 2,7% del 2011), ai fasti del passato: +3% il Pil nel 2013 e + quasi 4% nel 2014. tassi vicini all'aumento medio del 4,5% del periodo 2004-2010.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
confindustriabrasile
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.