A- A+
Economia

 

 

Giorgio Squinzi (3)

Un calo dell'1,6% contro una stima dell'1,8% per il 2013. Gli economisti del Centro Studi della Confindustria sono più ottimisti sulla congiuntura economica di quest'anno rispetto a quelli dell'Ista e dell'Ocse. Viale dell'Astronomia ha rivisto infatti al rialzo le previsioni sul Pil di quest'anno (contrazione dell'1,6%contro il -1,9% di giugno) e del prossimo (+0,7% dal precedente +0,5%), ma ha avvertito la politica che se "anche se la recessione è finita, per la ripresa è cruciale la stabilità politica per rinsaldare la fiducia di imprese e consumatori".

La "recessione è finita", sentenziano dal Csc e l'Italia "è a un punto di svolta" ma l'uscita dalla "seconda lunga crisi iniziata nel 2007 sarà lenta. Sulla strada della ripresa persistono, rischi, interni e internazionali e ostacoli. Cruciale è la stabilità politica per rinsaldare la fiducia di imprese e consumatori". A partire dal terzo trimestre dell'anno si vede la luce con una variazione congiunturale nulla. Il quadro economico internazionale e quello italiano, si sottolinea, "sono diventati più luminosi", ma "ciò non giustifica nessun autocompiacimento. Non c'è un pilota automatico da inserire, la rotta è tutt'altro che sicura e tracciata. Al contrario, occorre fare tutto il possibile per evitare ricadute recessive o arretramenti competitivi". Per gli industriali, "la precarietà politica interna espone l'italia a una maggiore diffidenza degli investitori esteri, contribuendo a tenere ampio lo spread, indebolisce le iniziative di modernizzazione del paese, impedisce il pieno recupero di fiducia in un progetto paese, tiene basse la competitività e la crescita potenziale. La stabilità, che non è sinonimo di immobilismo, diventa allora il primo tassello nel mosaico del rilancio".

Frena la disoccupazione. Il tasso di disoccupazione toccherà il 12,3% nell'ultimo trimestre 2013 (12,1% nell'intero anno), livello sul quale rimarrà ancorato nel 2014. L'occupazione aumenterà lievemente solo il prossimo anno (+0,1% pari a 14mila unità), ma in media d'anno la variazione resterà negativa (-0,2% dopo il -1,6% del 2013) e le persone impiegate saranno 880mila in meno rispetto al 2007 (-3,8%), cioè dall'inizio della crisi. Le richieste di Cig, secondo il centro studi, cresceranno in autunno, come pure gli interventi in deroga e straordinari; il ricorso alla Cig comincerà a sgonfiarsi solo dalla primavera 2014, con 320mila unità coinvolte a fine anno, livello analogo alla primavera 2011.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
confindustriarecessione
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.