A- A+
Economia
Coronavirus, Consulenti del lavoro: cig in deroga per tutte le imprese

Estendere a tutto il territorio nazionale i provvedimenti a sostegno del mercato del lavoro, come la cassa integrazione in deroga, a seguito dell'ampliamento, a tutte le zone del Paese, delle limitazioni all'esercizio di numerose tipologie di attivita' lavorative. E' la richiesta avanzata dal Consiglio nazionale dell'ordine dei consulenti del lavoro alla ministra del Lavoro e delle Politiche sociali, Nunzia Catalfo, per sollecitare interventi urgenti a favore di imprese, lavoratori e professionisti che in questo momento si trovano in condizioni di estrema difficolta' a causa del diffondersi dell'epidemia da Coronavirus e delle conseguenti misure che il Governo ha dovuto adottare per il contenimento della stessa. Nella lettera inviata ieri al dicastero di via Veneto la presidente del Consiglio nazionale dell'Ordine, Marina Calderone, ha sottolineato la necessita' di individuare procedure attuative semplificate per gli interventi da porre in essere, che tengano conto della ridotta mobilita' delle persone e che possano essere attuati con tempistiche celeri. "Non possiamo non guardare a quanto sta accadendo se non in una logica sistemica - ha precisato Calderone - anche perche' non vi e' regione italiana che non stia subendo ripercussioni negative in tutti i settori produttivi. In tal senso, sara' certamente fondamentale il concerto con le Regioni e con l'Inps, quest'ultimo nella qualita' di soggetto che ha gestito le istanze di concessione della Cig in deroga e che, attualmente, gestisce il Fondo di integrazione salariale di cui al decreto legislativo n. 148/2015".

 In particolare per quanto riguarda quest'ultimo istituto, la categoria e' preoccupata per cio' che concerne la capienza dei versamenti affluiti al Fondo dal momento della sua costituzione e in considerazione dell'ampio novero di soggetti che oggi potrebbero richiederne l'intervento. "In questi giorni - spiegano - i Consulenti del lavoro sono testimoni dei disagi che stanno affrontando i cittadini che vivono e lavorano nelle Regioni e nei Comuni individuati dai provvedimenti emanati dall'Esecutivo, da ultimo il Dpcm 8 marzo 2020". "I nostri colleghi che operano in quelle zone sono sottoposti a misure di isolamento che si riverberano direttamente sull'operativita' dei loro studi professionali", ha sottolineato Calderone. Per questo motivo, ha proseguito, la categoria continuera' ad adoperarsi per non far mancare alle aziende e ai lavoratori assistiti le informazioni e il supporto necessario. Ma tutti gli sforzi fatti finora "non sortiranno grandi effetti - ha aggiunto - se non saranno adeguatamente sostenuti da un insieme di misure atte ad alleviare i disagi attuali e a sostenere l'economia dei territori, oggi cosi' duramente compromessa".

Loading...
Commenti
    Tags:
    coronaviruscoromavirus consulenti lavorocoronavirus cig in derogacoronavirus impresecoronavirus cassa integrazione
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Serie A: tifosi o stadi vuoti? Arriva il passaporto sanitario

    Sport

    Serie A: tifosi o stadi vuoti?
    Arriva il passaporto sanitario


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    La tecnologia di livello 2 ora disponibile su tutta la gamma Peugeot

    La tecnologia di livello 2 ora disponibile su tutta la gamma Peugeot

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.