A- A+
Economia
Coronavirus, Intesa Sanpaolo sospende la distribuzione dei dividendi

Coronavirus, Intesa Sanpaolo sospende la distribuzione dei dividendi.

Intesa Sanpaolo ha deciso di sospendere la proposta di distribuzione cash agli azionisti di circa 3,4 miliardi di euro, pari 19,2 centesimi di euro per azione, all’ordine del giorno dell’Assemblea ordinaria convocata per il 27 aprile 2020, e ha deliberato di proporre alla prossima Assemblea ordinaria l’assegnazione a riserve dell’utile dell’esercizio 2019.

Tale proposta (che sarà anche pubblicata), se approvata dall’Assemblea, si traduce in un ulteriore rafforzamento della solidità patrimoniale del Gruppo Intesa Sanpaolo: con riferimento al 31 dicembre 2019, il coefficiente patrimoniale Common Equity Tier 1 ratio pro-forma a regime aumenta dal 14,1% (superiore di circa 4,6 punti percentuali al requisito SREP comprensivo del combined buffer e con un capitale eccedente il requisito per oltre 13 miliardi di euro) al 15,2%, superiore di circa 5,8 punti percentuali al requisito SREP comprensivo del combined buffer e con un capitale eccedente il requisito per oltre 16,5 miliardi di euro.

L’ampiezza del margine rispetto al requisito non tiene conto delle novità regolamentari introdotte dalla BCE a decorrere dal 12 marzo scorso, che permettono di non rispettare il combined buffer e prevedono che il requisito di Pillar 2 venga rispettato utilizzando parzialmente strumenti di capitale diversi dal CET1. Tenendo conto di quest’ultima novità e delle contestuali revisioni del Countercyclical Capital Buffer da parte delle competenti autorità nazionali nei vari Paesi in cui è presente il Gruppo, il predetto ammontare di capitale CET1 del Gruppo eccedente il requisito aumenterebbe a circa 19 miliardi di euro. 

La BCE ha precisato che valuterà se la sua raccomandazione riguardante la politica dei dividendi si estenderà oltre la data del 1° ottobre 2020. Subordinatamente alle indicazioni che saranno comunicate in merito dalla BCE e al presidio della solidità patrimoniale del Gruppo in relazione all’evoluzione del contesto conseguente all’epidemia da COVID-19, il Consiglio di Amministrazione di Intesa Sanpaolo ha reso noto di voler convocare un’Assemblea Ordinaria successivamente al 1° ottobre per dare esecuzione alla distribuzione di parte delle riserve agli azionisti entro l’esercizio 2020, anche in considerazione del supporto alla situazione finanziaria delle famiglie e alle erogazioni da parte delle fondazioni particolarmente necessario nel contesto conseguente all’epidemia da Covid-19. 

Intesa Sanpaolo, Messina e top manager donano 6 milioni a fronte dell'emergenza Covid-19

In relazione alla pandemia, Carlo Messina, Consigliere Delegato e CEO di Intesa Sanpaolo, ha annunciato l'intenzione di donare un milione di euro del bonus riconosciutogli dal sistema incentivante 2019 a sostegno di specifiche iniziative sanitarie e che i 21 top manager a suo diretto riporto destineranno ad analoghe donazioni complessivamente circa 5 milioni di euro dei rispettivi bonus riconosciuti dal sistema incentivante 2019. In occasione dell’assegnazione dei bonus, tutti i dipendenti del Gruppo potranno contribuire con donazioni a sostegno di specifiche iniziative sanitarie tramite un’apposita piattaforma.

Intesa Sanpaolo, confermata l'operazione di UBI Banca

Per quanto riguarda l’offerta pubblica di scambio volontaria totalitaria sulle azioni ordinarie di UBI Banca, è confermata la proposta di conferimento di una delega al CdA per l’esecuzione dell’aumento di capitale a servizio dell’offerta, all’ordine del giorno dell’Assemblea straordinaria convocata per il 27 aprile 2020. La motivazione strategica dell’operazione assume ancora maggiore valenza nel contesto conseguente all’epidemia da COVID-19, in particolare per quanto riguarda le sinergie di costo nonché l’aumento del grado di copertura dei crediti deteriorati e la riduzione dei crediti unlikely to pay e in sofferenza. Va infatti tenuto presente che le banche di minori dimensioni hanno ridotte possibilità di avvalersi delle leve dell’efficienza e della riduzione del profilo di rischio per fronteggiare un quadro economico sfavorevole e contrastare gli impatti sul tessuto sociale, a fronte del rafforzamento del ruolo di motore della crescita sostenibile e inclusiva e di punto di riferimento per la sostenibilità e la responsabilità sociale del Gruppo risultante dall’operazione

Intesa Sanpaolo, le dichiarazioni di Carlo Messina

"Oggi abbiamo preso una importante decisione relativa alla politica di remunerazione dei nostri azionisti", ha dichiarato in una nota stampa Carlo Messina. "Nel 2019 Intesa Sanpaolo ha pienamente raggiunto tutti gli obiettivi; abbiamo conseguito un utile netto pari a 4,2 miliardi di euro – il più elevato degli ultimi 11 anni – rafforzando allo stesso tempo la patrimonializzazione e il profilo di rischio, ai vertici del settore in Europa. Di conseguenza il nostro CdA, a febbraio, ha approvato una proposta di dividendo per azione di 0,192 euro". 

"In questa fase di eccezionale emergenza che il nostro Paese e il mondo intero si trovano ad affrontare, abbiamo deciso di raccogliere le indicazioni provenienti dalle autorità di supervisione". 

"Di conseguenza - ha proseguito Messina - abbiamo rinviato la distribuzione del dividendo relativo all’esercizio 2019, riservandoci di esaminare la distribuzione del dividendo originariamente previsto, convocando una nuova Assemblea degli azionisti dopo il 1° ottobre. Tenendo conto della sospensione della distribuzione di dividendi, il nostro coefficiente patrimoniale Common Equity Tier1 ratio pro‐forma a regime a fine 2019 sarebbe pari al 15,2% e il capitale eccedente i requisiti sarebbe pari a oltre 16,5 miliardi di euro. Se applicassimo le recenti modifiche sui vincoli di capitale approvate dalla BCE, l’eccesso di capitale aumenterebbe a circa 19 miliardi di euro". 

"Le banche come Intesa Sanpaolo, dotate di un eccesso di capitale ai vertici di settore e di una eccellente efficienza operativa, sono quelle più resilienti nelle fasi difficili e, come tali, sono quelle che beneficeranno del cosiddetto effetto flight‐to‐quality e che, nei prossimi mesi, potranno tornare a remunerare gli azionisti con dividendi elevati e sostenibili". 

"Riteniamo che la distribuzione di dividendi in contanti da parte delle banche con elevata patrimonializzazione – in grado di mantenere anche in circostanze complesse il ruolo di supporto a famiglie e imprese – sia importante per gli azionisti retail e rappresenti un cruciale supporto alle erogazioni da parte delle fondazioni, particolarmente necessario in un contesto come quello determinato dall’epidemia da Coronavirus". 

"La nostra Banca si contraddistingue – e continuerà a contraddistinguersi – per la capacità di remunerare gli azionisti in maniera significativa e sostenibile e per essere il motore della crescita inclusiva". 

"Per quanto attiene l’offerta pubblica di scambio volontaria totalitaria sulle azioni ordinarie di UBI Banca, siamo convinti che l’operazione, in questa fase così straordinaria, assuma ancora maggiore valenza strategica e rappresenti per UBI Banca una prospettiva ancor più rilevante: elevata patrimonializzazione, robusta copertura dei crediti deteriorati, dimensione, diversificazione e capacità di investimento hanno ora più valore che in tempi normali. La creazione di una Banca in grado di generare ulteriori benefici per tutti gli stakeholder e di rappresentare un solido supporto all’economia reale e sociale rappresenta un rafforzamento complessivo del Paese". 

"In questa fase di eccezionale emergenza Intesa Sanpaolo non ha esitato a ribadire il ruolo che svolge a sostegno dell’economia e della società. Abbiamo, fin da subito, messo in campo numerose e significative iniziative per contrastare gli effetti dell’epidemia. Stiamo esaminando e siamo pronti a metterne di nuove a disposizione di famiglie, imprese e della nostra società nel suo insieme. 

"Abbiamo immediatamente dato corso a rilevanti interventi per i nostri clienti, le famiglie e le imprese. Con un’urgente risposta alle esigenze di liquidità del sistema produttivo, abbiamo definito un plafond di 15 miliardi di euro, pari a circa un punto di PIL. Abbiamo disposto la sospensione delle rate dei finanziamenti per famiglie e imprese, colpite direttamente o indirettamente dall’emergenza. La Divisione Assicurativa del Gruppo ha provveduto all’ampliamento gratuito della tutela sanitaria dei propri assicurati che abbiano contratto il virus". 

"In coerenza con il ruolo della Banca nel dare coesione sociale al Paese abbiamo deciso di donare 100 milioni di euro destinati al rafforzamento strutturale permanente del Servizio Sanitario Nazionale e, nell’emergenza, ad acquistare attrezzature, apparecchiature e materiali medicali. Abbiamo inoltre messo a disposizione la piattaforma “ForFunding” per raccogliere donazioni a sostegno di iniziative sanitarie. Con un contributo di 350.000 euro siamo intervenuti per accelerare la realizzazione di un ospedale da campo a Bergamo da parte dell’Associazione Nazionale Alpini. Sosteniamo progetti di ricerca medica sul Coronavirus, grazie al nostro Fondo di Beneficenza e alla sua donazione di 1 milione di euro. Supportiamo Enti Pubblici e Regioni con consulenza specialistica su strumenti di pagamento e normativa internazionale; ad oggi ciò ha consentito l’acquisto di circa 300 milioni di dispositivi medico sanitari". 

"Essendo uno dei principali datori di lavoro in Italia abbiamo posto al centro la sicurezza fisica delle nostre persone, potenziando da subito lo smart working e portando in breve tempo a 21 mila le persone in grado di lavorare da casa. Per i colleghi che lavorano in filiale la Banca ha aumentato le ferie di sei giorni, in segno di riconoscimento per il concreto impegno nell’assicurare i servizi al pubblico. Con lo stesso spirito e per tutelare la salute di dipendenti e clienti, abbiamo ampliato le operazioni eseguibili da remoto, come la sospensione delle rate dei mutui, finanziamenti o prestiti, in modo da poter ricevere i nostri clienti solo su appuntamento". 

"Sempre allo scopo di contrastare gli effetti dell’epidemia da Coronavirus, ho deciso di donare a sostegno di specifiche iniziative sanitarie 1 milione di euro del bonus riconosciutomi dal sistema incentivante 2019 e sono orgoglioso di annunciare che i 21 top manager a mio diretto riporto effettueranno complessivamente analoghe donazioni per circa 5 milioni di euro". 

"La forza della nostra Banca e delle persone che ne fanno parte continuerà ad essere a fianco delle imprese, delle famiglie, della società, per uscire dall’emergenza e rilanciare una crescita inclusiva sostenibile", ha concluso Messina. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    intesa sanpaolodividendiintesabanca intesa
    i più visti
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

    Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.