A- A+
Economia
Coronavirus, le misure di TIM a favore di cittadini, imprese ed enti pubblici

Numerose le iniziative messe in atto da Tim per garantire massimo supporto ai dipendenti, ai clienti e agli enti pubblici e privati.

Per far fronte all'emergenza Covid-19, TIM si è impegnata sin da subito a garantire il massimo supporto ai cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni, agendo in sinergia con tutte le Istituzioni e Autorità competenti.

Per i propri dipendenti, il Gruppo ha messo in campo una serie di azioni tra cui lo smart working per 21.000 persone su tutto il territorio nazionale e il riconoscimento di ulteriori 16 ore di permesso retribuito e una maggiore flessibilità oraria per chi non può lavorare in modalità agile.

L’azienda, come spiegato ad Affaritaliani.it, ha inoltre attivato le infrastrutture trasmissive per i Numeri Verdi di emergenza per il Coronavirus messi a disposizione dalla Regione Lombardia (800.89.45.45) e dalla Regione Veneto (800.46.23.40) per chiedere informazioni e consigli o effettuare segnalazioni da parte dei residenti. Tali numeri sono caratterizzati da una capacità di gestire fino a 200 chiamate contemporanee.

Nel caso della Lombardia, TIM ha allestito per la Regione (in sole 15 ore dall’insorgere dell’emergenza) una sala collocata presso la sede TIM di via della Boscaiola a Milano con 72 postazioni di lavoro che rispondono h24 alle chiamate. A essere coinvolti sono circa 60 volontari messi a disposizione di Areu (Azienda Regionale Emergenza e Urgenza) da Asso Carabinieri, Croce Rossa e Bianca, Universitari e altre associazioni, che vengono opportunamente formati su come orientare chi chiama sui comportamenti da tenere. Solo nei primi giorni, il centralino ha ricevuto oltre 700.000 chiamate.

TIM ha inoltre messo in campo una serie di azioni nelle zone interessate dall’emergenza Coronavirus offrendo gratuitamente Giga, traffico voce illimitati, accesso a TIMVISION e altre iniziative rivolte sia alla clientela consumer, sia a quella business. Azioni che rispondono all'iniziativa del Ministero per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione finalizzata a sostenere e aiutare la gestione di questo momento eccezionale delle famiglie e delle aziende coinvolte.

Nelle regioni oggetto delle ordinanze, TIM ha deciso di sospendere gli interventi tecnici non urgenti, mentre per quelli non rinviabili saranno adottate tutte le misure necessarie ai tecnici per operare in totale sicurezza. L’adozione dello smart working è stata estesa fino a cinque giorni consecutivi a settimana, incentivando l'utilizzo di strumenti digitali come la videoconferenze per limitare gli spostamenti e garantire le comunicazioni a distanza.

In generale, all’interno delle sedi aziendali, sono stati intensificati i ritmi di pulizia, distribuiti prodotti disinfettanti alle persone che svolgono ruoli a contatto con il pubblico e sulla intranet aziendale è stato creato un canale dedicato per rispondere a tutti i dipendenti su dubbi e chiarimenti sul tema.

TIM ha inoltre ribadito il suo impegno nel continuare a monitorare costantemente l'evolversi della situazione, seguendo le indicazioni che saranno fornite dalla Protezione Civile e dal Ministero della Salute. La Security di TIM, infatti, fa parte del Comitato Operativo presso il Dipartimento della Protezione Civile, così da trasmettere e applicare in azienda misure immediate e coerenti con le indicazioni delle Autorità per garantire la continuità del servizio e la tutela dei dipendenti.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    timtelecom italiatim coronaviruscoronaviruscoronavirus aziendecoronavirus economiacoronavirus aziende italianecoronavirus aziende telefonia
    i più visti
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes-Benz EQB: l’elettrica con la Stella è anche sette posti

    Mercedes-Benz EQB: l’elettrica con la Stella è anche sette posti

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.