A- A+
Economia
Corri Renzi, corri

di Forrest Gump

E ti credo che Pie' veloce Renzi vuole accelerare con l'Italicum e far vedere all'Europa che l'Italia è ormai un Paese credibile che ha dato un taglio netto con l'immobilismo del passato e che è in grado ora di mantenere la parola data agli investitori internazionali. Il dato di marzo sul mercato del lavoro fornito dal Ministero di Giuliano Poletti che segnala oltre 90 mila contratti di lavoro in più (il saldo positivo fra 641.572 nuove attivazioni e 549.273 cessazioni di rapporti di lavoro), di cui una buona parte è costituita da nuovi contratti a tempo indeterminato, è un numero che dà fiducia all'esecutivo e che zittisce il coro di gufi nazionali (fra cui più di qualche democrat) che non perdono occasione per mettere in forse l'efficacia delle politiche del più giovane premier della storia della Repubblica italiana.

L'economia inizia finalmente a dare segnali di risveglio. Segnali però insufficienti stando alla produzione industriale di gennaio e febbraio e alle stime sul Pil del primo trimestre.  Dati che, fino alle notizie arrivate oggi dal mercato del lavoro, rischiavano di fiaccare la baldanza con cui Renzi, da inizio legislatura, ci ha abituato nel commentare la propria azione di governo.

Se però anche le assunzioni che sono le ultime a registrare la ripresa in atto (ma che la coppia Renzi-Poletti è riuscita a far ripartire grazie al contratto a tutele crescenti e alla massiccia decontribuzione) andranno a dar man forte alla domanda interna e alla ripartenza dei consumi, ecco che l'economia italiana fra qualche mese inizierà strutturalmente a godere di maggiore salute. Quel misero +0,2% di Pil previsto dalla Confindustria per il primo trimestre dell'anno accelererà prima verso il +0,7% di fine 2015 stimato dal Def. Un numero che, si spera per il bene del Paese, potrebbe essere maggiore.

Pie' veloce Renzi ne è consapevole ed ecco perché non ha alcuna intenzione di impantanarsi nel dibattito parlamentare sull'Italicum per portare a casa le riforme (presto anche se non fatte benissimo), sfruttare al massimo la flessibilità prevista in sede europea e agganciare così i segnali di ripresa e renderli più stabili. Non solo perché si sta giocando la sua carriera politica e l'ingresso nel Pantheon tricolore dei grandi politici, ma anche perché il gap di cui capacità produttiva di cui il Paese soffre rispetto ai livelli pre-crisi è abissale: -25%. Corri Renzi, corri. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
renzilavoropil
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.