A- A+
Economia
Covid, "Evitare un nuovo lockdown. Ristorazione fuori dalla ripresa del Pil"
Fase due: bar e ristoranti a Milano

"Questa nuova emergenza sanitaria, con coprifuochi e chiusure anticipate dei pubblici esercizi, aumenta l'incertezza e mette a rischio decine di migliaia di imprese". A lanciare l'allarme è il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli nel giorno in cui l’associazione ha pubblicato la propria Congiuntura di ottobre stilata dall'Ufficio studi secondo cui per il mese in corso si prevede una crescita congiunturale del Pil, al netto dei fattori stagionali, dello 0,9% pari a una riduzione tendenziale del 5,1%, ma a fronte di un quarto trimestre dell'anno che si apre all'insegna di una "rinnovata e profonda incertezza" alimentata dalla dinamica dei contagi e in cui i settori del turismo, della ristorazione e del tempo libero, fuori dal recupero del Pil nel terzo trimestre, rappresentano un problema evidente della nostra economia.

Barrese Sangalli
 

"Sono prioritarie misure efficaci anti Covid, ma con una economia gia' in ginocchio, va assolutamente evitato un secondo lockdown”, ha spiegato Sangalli in una nota. “Il Governo deve sostenere con maggiori e piu' veloci indennizzi le imprese in difficolta', altrimenti a fine anno rischieremo gravi, gravissime conseguenze per l’occupazione”, ha concluso.

Secondo il rapporto congiunturale di Confcommercio di ottobre, dopo un terzo trimestre caratterizzato da un forte recupero (+10,6% rispetto al secondo quarto dell'anno), sebbene meno intenso rispetto alle previsioni contenute nella Nadef (+13,6%), il quarto si apre all'insegna di una rinnovata e profonda incertezza alimentata dalla dinamica dei contagi. Nel confronto annuo l'Indicatore dei Consumi Confcommercio (ICC) di settembre si conferma in territorio negativo, seppure in miglioramento rispetto ad agosto.

Permangono forti differenze nelle dinamiche delle singole voci di spesa, con uno stato di estrema debolezza per molti dei settori dei servizi. I modesti recuperi messi in atto nei mesi estivi hanno solo attenuato riduzioni che, nel caso del turismo, dei trasporti e delle funzioni legate al tempo libero, sfiorano o superano il 50% nel confronto annuo. Un'evoluzione meno asfittica dei consumi, associata a miglioramenti produttivi ed occupazionali nel trimestre luglio-settembre e a un recupero della fiducia delle famiglie e delle imprese, ha comunque consolidato la ripresa del Pil per il quale, dopo il rimbalzo del terzo trimestre, rivisto leggermente al rialzo, si stima ad ottobre un incremento dello 0,9% congiunturale che si traduce in una decrescita su base annua del 5,1%. In questo contesto - sottolinea Confcommercio nel documento - di graduale miglioramento si inseriscono le incognite sulle prospettive a breve.

LP 11874026
 

La recrudescenza della pandemia in Europa sta portando molti Paesi a mettere in atto misure di contenimento, che seppure di entità più limitata rispetto a quanto fatto in primavera, rischiano di minare la ripresa internazionale con particolare riguardo ai più prossimi partner commerciali, come, appunto, l’Italia.

Nel mese di agosto la produzione industriale ha avuto un significativo rimbalzo (+7,7% congiunturale al netto dei fattori stagionali) registrando un sostanziale ritorno ai livelli dello stesso mese del 2019 (-0,2% su base annua). Anche sul versante degli occupati è proseguita la fase di recupero con un +0,4% rispetto al mese precedente.

Nel confronto annuo, però, il dato rimane negativo: -1,8%. Il sentiment delle imprese del commercio al dettaglio è migliorato anche nel mese di settembre (+3,3% rispetto al mese precedente), sebbene resti ancora molto lontano dai livelli pre-Covid (-9,2% la variazione tendenziale). Considerando le variabili appena descritte, si stima per il mese di ottobre una crescita congiunturale del Pil, al netto dei fattori stagionali, dello 0,9% pari ad una riduzione tendenziale del 5,1%.

Nel complesso del terzo trimestre la stima del Pil è rivista al rialzo con una crescita congiunturale del 10,6% e una riduzione del 9,3% nel confronto annuo. Anche i risultati di settembre 2020 dell'ICC vengono pubblicati solo in forma grezza e nel confronto annuo, con un'indicazione più dettagliata degli andamenti delle diverse voci che compongono le macro funzioni di spesa. A settembre si è consolidata la fase di recupero della domanda, tendenza che continua a interessare in misura prevalente la componente relativa ai beni e in misura più specifica alcuni segmenti dei durevoli. L'indicatore dei consumi registra, nel confronto annuo, un calo del 5,2%.

Se per i beni il saldo risulta positivo per il 2,3%, per i servizi il dato permane in territorio negativo (-20,7%). Analizzando le dinamiche tendenziali delle diverse funzioni di consumo - conclude Confcommercio - si conferma anche a settembre un andamento sostanzialmente disomogeneo. A fronte di decisi recuperi per alcuni segmenti dei beni, soprattutto durevoli, molti settori dei servizi continuano a vivere una situazione di estrema difficoltà.

Va segnalato come anche in situazioni di deciso rimbalzo della domanda (acquisti di auto da parte dei privati), la ripresa è solo riuscita ad attenuare il vuoto che si era generato nel corso del secondo trimestre. Si aggiunga, per quanto riguarda le autovetture, che gli incrementi a due cifre rilevati nel bimestre agosto-settembre sono stati sostenuti dal massiccio ricorso agli incentivi. Il mancato rifinanziamento delle misure per svecchiare il parco auto potrebbe portare a un forte ridimensionamento delle vendite nell'ultima parte dell'anno. Ancora molto difficile risulta la situazione per molti segmenti dei servizi.

In particolare, i settori più direttamente legati al turismo ed alla fruizione del tempo libero evidenziano ancora un calo dei volumi eccezionale. Su questi settori pesa, oltre alla riduzione dei consumi interni, il venir meno della domanda estera, in virtù del fatto che nei mesi di settembre ed ottobre il 60% delle presenze è rappresentato dagli stranieri. Sulla base delle dinamiche registrate dalle diverse variabili che concorrono alla formazione dei prezzi al consumo, per il mese di ottobre 2020 si stima un incremento dello 0,2% in termini congiunturali, determinato in larga parte dagli aumenti decisi per l'energia ed il gas, e una diminuzione dello 0,2% nel confronto con lo stesso mese del 2019.

Loading...
Commenti
    Tags:
    coronavirusconfcommerciocarlo sangalli confcommerciolockdowncongiuntura ottobre confcommercio
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Fedez spiega la mascherina Siffredi come metterlo nel...

    Coronavirus vissuto con ironia

    Fedez spiega la mascherina
    Siffredi come metterlo nel...


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Arriva la nuova Fiat Panda: più eco, più tecnologica e più divertente

    Arriva la nuova Fiat Panda: più eco, più tecnologica e più divertente

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.