A- A+
Economia
De Benedetti, la famiglia che poteva essere potente e scelse di essere ricca
Marco De Benedetti, Carlo De Benedetti e Rodolfo De Benedetti

De Benedetti, la famiglia che ha scelto di essere ricca e non potente

Olivetti, Fiat, Sorgenia. Non sono consigli per gli acquisti di qualche gestore di fondi, ma l’elenco dei principali fallimenti di Carlo De Benedetti. L’ingegnere, come ama farsi chiamare forse per contrapporsi all’Avvocato, ha collezionato qualche scivolone di troppo. Prendiamo la Fiat: arriva al timone dell’azienda della famiglia Agnelli dopo aver portato in dote la sua impresa di acciaio e ricevendone in cambio il 5% delle azioni. Mica male, no? L’ingegnere, all’epoca 42enne, durò invece pochi mesi prima di uscire dalla porta di servizio con un bel malloppo. Che cosa accadde in quei giorni rimane un mistero, l’ingegnere si limitò a dire che l’azienda perdeva “una barcata di denaro” (sue precise parole). Con tanti saluti al sogno di diventare il capo della Fiat, dopo essere arrivato al vertice grazie ai buoni uffici di Umberto Agnelli che fu suo compagno al San Giuseppe di Torino tra la fine delle medie e l’inizio del ginnasio.

Da lì la carriera imprenditoriale cresce con andamenti ondivaghi. Entra in Cir (Concerie Industriali Riunite) e ne fa una grande holding industriale. Ottima mossa, no? Più o meno. Compra Olivetti, un meraviglioso polo d’innovazione e ne fa un realtà ancora più importante. Capisce che si deve puntare su computer, fax, stampanti e in effetti riporta l’azienda in utile. Ma commette un errore da matita blu: non scommette su Apple. Durante un viaggio in California, infatti, vuole la leggenda che due giovanotti di belle speranze – Steve Jobs e Steve Wozniak – gli abbiano chiesto di puntare sulla loro “garage company”. E l’Ingegnere disse no. Madornale errore. Sua la responsabilità di aver lasciato l’Olivetti, nel 1996, in braghe di tela nelle mani di un Roberto Colaninno che l’anno dopo la fuse con Telecom dando vita alla madre di tutte le tragedie industriali del nostro Paese. L’attuale Tim fu gravata da un debito monstre da cui non è più riuscita a liberarsi. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cirde benedettigedisogefisorgenia





in evidenza
Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

La classifica comscore

Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)


motori
La Nuova Toyota GR Yaris: nata dal Rally, perfetta per la strada

La Nuova Toyota GR Yaris: nata dal Rally, perfetta per la strada

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.