A- A+
Economia
Def, addio Imu, Tasi e Tari. Dal 2015 arriva la tassa unica locale
Secondo le dichiarazioni dei redditi dei membri del governo pubblicati sul sito del Senato, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha dichiarato 98.961 euro. Il premier risulta inoltre comproprietario di due villini, uno a Pontassieve e l'altro nel comune di origine, Rignano, in provincia di Firenze. E' inoltre comproprietario di un terreno, coltivato ad olivi, nello stesso comune di Rignano, e di un box nell'abitazione di Pontassieve

Nel 2015 gli italiani archivieranno finalmente i mal di testa da scadenze Imu, Tasi e Tari. Già perché quest'anno il governo Renzi introdurrà finalmente una tassa unica locale che spingerà i contribuenti a recarsi una volta soltanto in Posta, facendo file interminabili. Carta canta: nel Programma nazionale delle riforme (Pnr che Affaritaliani.it pubblica in esclusiva e che approderà domani al Cdm), cronoprogramma dell'azione del governo dei prossimi mesi allegato al Def, a pagina 18 l'esecutivo annuncia infatti che "per semplificare il quadro dei tributi locali sugli immobili e ridurre i costi di compliance per i contribuenti e la complessità amministrativa" verrà introdotta "nel corso del 2015 una nuova local tax, che unificherà Imu e Tasi e semplificherà il numero delle imposte comunali, mediante un unico tributo/canone in sostituzione delle imposte e tasse minori e dei canoni esistenti".

Renzi e il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan faranno dunque una nuova marcia indietro nel complesso quadro dei tributi locali. Dopo la cancellazione dell'Ici da parte del governo Berlusconi e la reintroduzione del prelievo (che nel frattempo è diventato Imu) da parte del governo Monti, la legge di Stabilità licenziata dal governo Letta aveva introdotto invece una nuova revisione della tassazione degli immobili finalizzata a rafforzare il legame fra l’onere dell’imposta e il corrispettivo ricevuto sotto forma di servizio locale.

Attualmente, il nuovo tributo IUC (Imposta Unica Comunale) si articola su una componente di natura patrimoniale, l’Imu (Imposta Municipale Propria) e una sui servizi fruiti dal proprietario o dal possessore dell’immobile (Tasi, tributo per i servizi indivisibili e Tari, tassa sui rifiuti), proliferazione che oltre a prevedere le imposte sulle proprietà e sui servizi e un'addizionale comunale Irpef, includeva una serie di tributi minori e canoni sull’occupazione di spazi, aree pubbliche e sulla diffusione dei messaggi pubblicitari. Renzi quest'anno tirerà una riga e si ripartirà dalla local tax. Nel Pnr per la realizzazione della voce "Riforma della tassazione locale" è fissato genericamente il termine 2015 indicare un mese preciso come fatto invece per le altre riforme, con buona pace degli italiani che da un mese all'altro si troveranno a dover far fronte alla stangatina locale.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
defcasarenzi
i più visti
in evidenza
“Che pagliacci, politici al voto” Il Quirinale e l'ironia social

rete scatenata

“Che pagliacci, politici al voto”
Il Quirinale e l'ironia social


casa, immobiliare
motori
Nuova Range Rover, arriva la versione plug-in con un autonomia fino a 113 km

Nuova Range Rover, arriva la versione plug-in con un autonomia fino a 113 km

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.