A- A+
Economia
Una dichiarazione dei redditi su dieci è anomala. La denuncia

Qualcosa non torna, nella destinazione del 5 per mille. L’Agenzia delle Entrate ha riscontrato, dopo una prima ondata di verifiche su alcuni Caf (centri di assistenza fiscale) conclusa quest'estate, quasi il 9 per cento di anomalie tra i “desiderata” dei contribuenti e l’effettivo destinatario della quota Irpef. Su 5.603 controlli effettuati (relativi al 2014), 353 documenti risultano irregolari: il dato più allarmante è quello che riguarda 207 dichiarazioni (ovvero il 3,7% del campione), per le quali sono state trasmesse scelte non in linea con la volontà espressa dal contribuente. In altre parole: il contribuente ha indicato un destinatario nel modulo cartaceo, il Caf ne ha trasmesso uno diverso per via telematica

Per comprendere le ragioni e la portata di questi dati, occorre precisare i contorni dell’indagine, rivelata oggi dal quotidiano Il Sole 24 ore. Sono stati presi in esame 5 Caf “sospetti” in quanto strettamente e direttamente collegati a realtà potenzialmente beneficiarie del 5 per mille: proprio queste realtà avevano visto infatti crescere costantemente, dal 2006 in poi, le scelte a proprio favore. Parliamo, nello specifico, di Caf Mcl (Movimento cristiano lavoratori), Caf Acai (collegato all’Associazione cristiana artigiani italiani), Caf Servizi di base (collegato a Rete Iside Onlus), Caf Anmil (dell’Associazione nazionale fra lavoratori mutilati e invalidi del lavoro), Caf Acli (Associazioni cristiane dei lavoratori italiani). Su questi soggetti si è quindi concentrata la campagna di verifiche dell’Agenzia delle Entrate, voluta dalla Corte dei Conti e finalizzata ad accertare che la volontà del contribuente rispetto al destinatario del suo 5 per mille sia effettivamente rispettata. 

E in 207 casi su 5 mila, appare chiaro che questo non sia avvenuto: nella trascrizione telematica dei dati, infatti, il codice corrispondente al destinatario risulta diverso da quello indicato nel modulo cartaceo dallo stesso contribuente. Nel dettaglio, in 61 casi la scelta è stata espressa ma non trasmessa, in 51 non è stata espressa, ma è stata ugualmente trasmessa, in 95 la scelta trasmessa è diversa da quella espressa. Nell’8,2%, le scelte erroneamente trasmesse sono a favore dei beneficiari collegati al Caf. Se quindi da un lato non ci sono prove sufficienti per parlare di “furbetti del 5 per mille”, dall’altro ci sono abbastanza elementi per giustificare un ulteriore approfondimento del tema e una nuova ondata di verifiche, che si svolgerà, nel 2015, non su 5 ma su 7 reti Caf. 

Un problema già noto alla Consulta dei Caf, che sul tema è già intervenuta più volte, per quanto di sua competenza: “il comportamento scorretto e sanzionabile” delle reti Caf messe sotto accusa è quindi oggi criticato dal portavoce della Consulta, Valeriano Canepari: “I Caf sono tanti e ognuno fa riferimento a organizzazioni di diversa natura  - commenta - Noi sul tema del 5 per mille abbiamo sempre insistito su due aspetti: primo, una corretta informazione al contribuente, perché pensiamo che la scelta, da parte delle istituzioni, di destinare questo fondo alle singole organizzazioni fosse utile e positiva: abbiamo quindi sempre ritenuto importante che i contribuenti fossero a conoscenza di questa possibilità. fin dai primi tempi abbiamo fatto azione informativa a contribuenti perché fossero a conoscenza di questa possibilità”.

Secondo aspetto fondamentale, relativo al rapporto tra Caf e 5 per mille, è proprio la “correttezza del comportamento dei Caf nel rispettare la scelta del contribuente. A tale proposito – evidenzia Canepari – il tema della sovrapposizione tra Caf e organizzazioni sociali è un dato oggettivo e siamo consapevoli della problematicità che si può creare. Per questo – aggiunge - abbiamo sempre chiesto alle varie sedi Caf un’estrema correttezza nell’informazione e nel successivo svolgimento delle procedure. Comportamenti scorretti rappresentano un’infrazione nella gestione del modello 730 e soprattutto nel rapporto fiduciario con il contribuente”.

E irregolarità, seppur poche, sono state segnalate da alcuni contribuenti alla stessa Consulta, sempre relativamente al 5 per mille. “In questi casi – riferisce Canepari – abbiamo sempre avuto un ruolo attivo nel raccomandare alle varie sedi Caf  un comportamento corretto. Più di questo, non è in nostro potere fare. Ma i Caf sono oltre 90 e ciascuno, evidentemente, fa la sua scelta: una scelta che, nei casi evidenziati dall’Agenzia delle Entrate, si rivela scorretta e sanzionabile”. ( da redattoresociale.it)

Tags:
dichiarazioneredditianomala
i più visti
in evidenza
Jo Squillo in burqa per le donne La protesta scade nel ridicolo

GF VIP 2021

Jo Squillo in burqa per le donne
La protesta scade nel ridicolo


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.