A- A+
Economia
Draghi: gli Stati correggano gli squilibri, la gente soffre

L'eurozona si "sta chiaramente muovendo nella giusta direzione". Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi davanti al Parlamento europeo. "Il bicchiere e' almeno mezzo pieno" ha aggiunto. "Oggi - dice Draghi - possiamo dire che il peggio e' passato". "Gli squilibri stanno retrocedendo - aggiunge - e abbiamo messo le fondamenta per una crescita piu' forte".

"L'area euro e' diventata piu' resistente". L'Eurozona e' diventata "piu' resistente" e sono stati compiuti passi significativi a contrasto della crisi del debito ma "e' troppo presto per dichiarare missione compiuta", ha aggiunto il presidente della Bce. "Le persone soffrono ancora per gli effetti dell'inevitabile aggiustamento dopo squilibri accumulatisi per anni", ha aggiunto Draghi, sottolineando in particolare la "disoccupazione inaccettabilmente elevata".

Draghi ha quindi ribadito l'invito ai governi dell'Eurozona ad attuare il consolidamento fiscale in una maniera che non colpisca la crescita e ad applicare le riforme strutturali.

Quanto all'Ucraina, sebbene, sulla carta, l'impatto della crisi in Ucraina sull'Eurozona appaia limitato, le sue implicazioni geopolitiche potrebbero avere effetti sull'economia piu' gravi di quanto suggerito dai numeri."L'Ucraina conta per meno dell'1% dei flussi commerciali dell'Eurozona e meno dell'1% delle transazioni bancarie riguardano soggetti con sede in Ucraina, quindi l'impatto economico per l'Eurozona dovrebbe essere relativamente limitato", ha affermato Draghi, "le implicazioni geopolitiche sono pero' da sole la capaci di generare eventi che vanno oltre questi meri numeri statistici, dovremmo seguire la situazione con grande attenzione".

Tags:
mario draghicrisiucraina
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida

Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.