A- A+
Economia

Negli ultimi anni le banche italiane e spagnole hanno investito i fondi messi a disposizione della Bce attraverso le Ltro aumentando la loro esposizione al debito pubblico dei rispettivi paesi. E' quanto emerge dal 'Transparency Exercise', la raccolta dati riguardo alla composizione del capitale e alle esposizioni - credito, rischio sovrano, mercato - delle 64 maggiori banche europee) svolta dalla European Banking Authority (Eba).

I 64 istituti, si legge nello studio, lo scorso giugno risultavano esposti al debito pubblico italiano per 274 miliardi di euro, una somma la cui quota detenuta dalle banche italiane e' salita al 76% dal 59% del dicembre 2010.

Dei 199 miliardi di debito pubblico di Madrid nei portafogli delle 64 banche, gli istituti spagnoli lo scorso giugno detenevano l'89%, da confrontare con il 64% del dicembre 2010.

L'esposizione netta delle banche europee al debito sovrano, che era calata del 9% nel 2011, sottolinea l'Eba, e' salita del 9,3% nei 18 mesi successivi.

Tags:
banchedebito pubblicoeba
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.