A- A+
Economia

Eni e Rosneft hanno avviato l’attività di rilevamento sismico 2D su una superficie di 9.950 chilometri quadrati relativa alle licenze di Fedynsky e Central Barents, situate nell’offshore russo del Mare di Barents.

I rilievi sismici sono realizzati nel rispetto dei requisiti ambientali richiesti dalla legislazione russa e dei contratti di licenza e accompagnati da attenti studi sull’ambiente e sull’industria ittica. Durante i rilievi sarà attuato un programma di monitoraggio ambientale. I dati dei rilievi saranno raccolti con metodi geofisici grazie a una nave specializzata in indagini sismiche.

Eni e Rosneft hanno costituito delle società miste per operare ciascuno dei progetti nelle licenze nell’offshore russo, nelle quali Rosneft detiene il 66,67% ed Eni il 33,33%.

Questo progetto si inquadra nella più ampia cooperazione tra Eni e Rosneft sancita nell’ambito dell’accordo di cooperazione strategica firmato tra le parti il 25 aprile 2012.

Tags:
enirosneftmare di barens
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator: design autenticamente Jeep

Gladiator: design autenticamente Jeep


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.