A- A+
Economia

 

 

scaroniPaolo Scaroni

Eni ha chiuso il terzo trimestre dell'anno con un utile netto di 3,99 miliardi di euro, in crescita del 61,9%. Nei primi nove mesi l'utile netto di Eni e' stato pari a 5,81 miliardi (-5,8%).

L'utile operativo adjusted, nel trimestre, si e' attestato 3,44 miliardi, in calo del 15,7% mentre nei 9 mesi e' stato di 9,1 miliardi (-35,2%). Per quanto riguarda l'utile netto adjusted e' stato pari a 1,17 miliardi nel trimestre (-29,4%) e di 3,13 miliardi nei nove mesi (-41%). Il cash flow si e' attestato a 3,04 miliardi nel trimestre e a 7,79 miliardi nei nove mesi. Al 30 settembre il leverage (rapporto tra indebitamento finanziario netto e patrimonio netto comprese le interessenze di terzi) e' pari allo 0,24.

Un risultato che consolida la redditivita' di Eni. Cosi' l'amministratore delegato della societa', Paolo Scaroni, commenta i dati. "Nel terzo trimestre abbiamo ottenuto importanti successi esplorativi, compiuto eccellenti progressi nello sviluppo con nuovi start-up e monetizzato parte della nostra partecipazione in Mozambico", dice Scaroni.

 

Eni: ecco Green Data Center, top mondo per efficienza energetica

"Questi risultati consolidano la nostra redditivita' in un trimestre che ha risentito ancora delle difficili condizioni dei mercati europei del mid e downstream, delle riduzioni straordinarie delle produzioni in Nigeria e Libia e dell'apprezzamento dell'euro. Considerata la natura temporanea di questi fattori e la solidita' del nostro business - conclude l'ad di Eni - avvieremo il programma di buy back".

Quanto alla produzione di idrocarburi, nel terzo trimestre e' stata pari a 1,653 milioni di boe/giorno, in flessione del 3,8% rispetto al terzo trimestre 2012 a "causa degli impatti rilevanti degli eventi di forza maggiore in Nigeria e Libia (circa 50 mila boe/giorno)". Il contributo degli avvii di nuovi giacimenti e la crescita dei campi avviati principalmente in Russia, Algeria, Angola ed Egitto, spiega la nota, hanno invece assorbito l'effetto di fermate programmate, in particolare nel Mare del Nord, e i declini delle produzioni mature. Il calo delle produzioni nei nove mesi dell'anno (-3,1%) e' dovuto agli stessi motivi del trimestre.

Tags:
enipaolo scaronitrimestrale
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.