A- A+
Economia
Ennio Doris, il successo di un’idea e di un sogno

Conoscevo Ennio Doris dal 1986, 35 anni fa. Fui il primo giornalista a raccontare sul Giorno, di cui ero inviato speciale, la storia di questo giovanottone che faceva il promotore finanziario nel padovano, ma aveva il grande sogno di diventare banchiere. Mi aveva messo su questa inedita pista giornalistica un bravo collega morto prematuramente, Giovanni Belingardi, il quale, dopo anni al Corriere, aveva appena preso la direzione dell’ufficio stampa della Fininvest di Silvio Berlusconi.

Fu lui a portarmi da Doris e farmi raccontare dalla sua viva voce l’inizio, decisamente originale, della sua storia professionale. “Avevo letto di Silvio Berlusconi che, in un’intervista al mensile Capital, rivolgendosi ai giovani più ambiziosi, aveva lanciato un invito: se avete un’idea e un progetto di business, cercatemi, ci lavoriamo insieme. E lo feci”. Ma con uno stratagemma: Doris studiò le abitudini del nascente tycoon di Arcore e scoprì che egli era solito trascorrere molti week end a Portofino e concedersi la passeggiata in piazzetta.

Sicché lo attese per giorni come un segugio e quando lo vide palesarsi davanti al mitico ristorante del jet set Puny, non esitò a presentarsi al futuro Cav e a proporgli l’affare: fondiamo insieme una banca? Qualche settimana di analisi e verifiche e nacque Mediolanum, metà Doris e metà Berlusconi. E Doris divenne partner dell’uomo più liquido d’Italia, l’unico che sia mai riuscito a diventare addirittura socio di Berlusconi. Champagne per loro e champagne per me che avevo raccontato una ghiotta primizia sul grande Giorno.

Da allora il sogno di Doris ne ha fatta di strada, grazie al suo approccio rivoluzionario alla banca: un istituto di credito basato non sugli sportelli e le scartoffie, ma sui famosi family banker, bancari-consulenti, veri e propri gestori di patrimoni non necessariamente milionari, che andavano nelle case a raccogliere risparmi e a rassicurare mettendoci la faccia e il cuore. Ecco, in questo rovesciamento dell’approccio di marketing - contatto diretto, prima via telefono poi, cavalcando la rivoluzione digitale, via internet - stava la grande intuizione che portò Doris e la Mediolanum rapidamente e crescentemente al successo.

Una banca cioè dematerializzata, digitale. Senza i costosi e pletorici sportelli e senza timbri firme e controfirme delle appesantite banche tradizionali, ma con tanti “banchieri di famiglia” che si prendevano carico della pensione e della liquidazione di migliaia di italiani, accompagnandoli in ogni momento, anche con una semplice video-telefonata, nelle scelte e nelle strategie di portafoglio. E fu lo straordinario successo imprenditoriale, con performance record nella raccolta di risparmio gestito e utili a gogo. La concorrenza annaspava e Doris correva come una lepre macinando risultati spettacolari.

Non fu difficile per il banchiere-innovatore entrare nella stanza dei bottoni del potere finanziario, sedendosi nel salotto buono dei poteri forti di Mediobanca e portando con sé di conseguenza Silvio Berlusconi, che in piazzetta Cuccia era stato sempre poco amato e in più casi osteggiato.

Negli ultimi tempi, alle prime avvisaglie della malattia e della perdita di lucidità, Doris saggiamente aveva fatto un passo indietro lanciando alla guida della banca, con perfetta scelta dei tempi e pieno rispetto delle regole da manuale della sana successione, il figlio Massimo, da far crescere e accreditare tra i dipendenti, i clienti e l’establishment finanziario, sotto la sua ala protettiva.

(Segue...)

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    banca mediolanumennio doris
    i più visti
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


    casa, immobiliare
    motori
    ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

    ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.