A- A+
Economia
Equitalia, Renzi toglie le penali. Un "condono" per chi paga a rate

Matteo Renzi a caccia del sì al referendum tra il popolo delle partite Iva e delle pmi che tradizionalmente guardano più verso il Centrodestra.

L'ipotesi che si sta studiando in vista della Legge di Bilancio 2017 è l'eliminazione delle sanzioni, degli interessi di mora e dell'aggio di riscossione per coloro che scelgono di rateizzare le cartelle esattoriali di Equitalia. Non si tratta di una sanatoria - scrive Il Giornale - e non è ufficialmente un condono perché assomiglia molto alla procedura che si segue per la voluntary disclosure: niente multe e interessi per chi denuncia volontariamente i capitali detenuti all'estero. Non è un caso che il capitolo 'contrasto all'evasione fiscale' che il governo vuole inserire nel Bilancio comprenda sia lo sconto sulle cartelle che una nuova versione della voluntary per un totale che potrebbe superare i 5 miliardi. Infatti la Nota di aggiornamento del Def ha evidenziato che le misure che favoriscono la collaborazione spontanea hanno determinato maggiori incassi per 1,5 miliardi rispetto a quanto preventivato nel corso dei primi 8 mesi del 2016.

Ma come funzionerebbe questa versione evoluta della 'rottamazione delle cartelle' già introdotta dal governo Letta nel 2014? In pratica, si potrebbe accedere, a differenza del passato, a questo beneficio anche rateizzando gli importi mentre tre anni fa si optò per il pagamento in un'unica soluzione. Oggi, invece, si sta pensando di estendere il vantaggio a coloro che hanno debiti fiscali iscritti a ruolo dall'Agenzia delle Entrate fino a 100mila euro. Alcuni rumor indicavano in 3 anni il periodo massimo di rateizzazione e l'estensione dello sgravio anche a coloro che stanno già pagando a rate la propria cartella. La misura è stata spesso invocata da Federcontribuenti e dalle associazioni datoriali e che il Dipartimento delle Finanze ha anche ascoltato qualche settimana fa. Occorre ricordare che molte imprese hanno chiuso proprio perché le cartelle non onorate causa crisi si sono tradotte in importi monstre a causa di interessi e sanzioni.

Si inserisce in questo contesto pure l'intenzione di riaprire la voluntary disclosure che ha prodotto già un gettito di oltre 4 miliardi di euro nella versione 2015 e che l'anno prossimo potrebbe portarne almeno la metà. Il governo intende mostrare un volto amichevole alle imprese. Anche per questo motivo si è pensato di varare regimi più favorevoli come il pagamento delle imposte per cassa, cioè sul fatturato effettivo, per le imprese in regime di contabilità semplificata. L'intenzione è quella di applicare tale procedura alle imprese individuali con un fatturato fino a 400mila euro nel settore dei servizi e 700mila nel commercio. Senza contare il taglio dell'Ires dal 27,5 al 24% e l'aliquota Iri del 24% per chi reinveste gli utili in azienda. Ipotesi di lavoro che vogliono avvicinare al renzismo chi renziano non è e che sono state studiate da tecnici che hanno collaborato con gli esecutivi di centrodestra, relegando per una volta in un angolo i discepoli di Vincenzo Visco.

Tags:
equitalia cartelle rateizzazione mora
Loading...

i più visti

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Covid-19: 1 su 2 pronto ad usufruire dei nuovi bonus per cambiare l'auto

Covid-19: 1 su 2 pronto ad usufruire dei nuovi bonus per cambiare l'auto


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.