A- A+
Economia
attilio befera

twitter@paolofiore

 

Equitalia si trasforma. Per mesi è stata lo spauracchio dei contribuenti. E' stata accusata di essere troppo rigida e di non capire le condizioni dei lavoratori. Adesso, nel giro di poche ore, l'agenzia diretta da Attilio Befera, sembra aver cambiato volto. Lo ha fatto annunciando una serie di provvedimenti: "Sta uscendo oggi una comunicazione di servizio e poi seguirà una modifica della circolare che dà la possibilità, su richiesta dell'interessato, di eliminare le sanzioni per il ritardato versamento". Lo ha annunciato lo stesso Befera parlando della detassazione dei premi di produttività nel corso del Forum del Lavoro 2013 del Sole 24 Ore.

Le sanzioni saranno sospese fino a luglio. "Questo riguarda il periodo da gennaio a luglio - ha spiegato Befera - perché gli accordi collettivi possono intervenire successivamente alla data di effettivo accordo informale sugli incrementi di produttività. Non può essere retroattivo dal punto di vista fiscale però ci sembra giusto che le sanzioni non vengano applicate".

Non basta: Befera ha anche annunciato che l'Agenzia delle Entrate sta per emanare "una direttiva in cui si semplificano notevolmente i criteri di controllo per le richieste di rimborso Iva per accelerare ancora di più questa procedura". E che "i rimborsi maturati nel 2012 saranno liquidati entro la fine dell'anno"

L'annuncio segue di 24 ore un altra novità attesa soprattutto da pensionati e lavoratori dipendenti. Non sarà possibile alcun pignoramento sui conti correnti bancari o postali dove vengono versati stipendi e pensioni. "Riscuotere le imposte - ha detto Befera - è fare il nostro dovere ma dobbiamo certamente farlo cercando di tener conto dell'attuale situazione di crisi. E con lo stop dei pignoramenti Equitalia si è mossa a favore dei cittadini".

A queste boccate d'ossigeno se ne aggiunge un'altra, legata al Redditometro. Lo strumento, studiato per confrontare spese ed introiti in modo da scovare gli evasori, non sarà un grande fratello fiscale, come da molti temuto. Un "nuova" versione partirà a maggio e prevede controlli solo in casi di evasione "spudorata" e garantirà più spazio al confronto con i contribuenti.

Un cambiamento repentino da parte della politica di Equitalia che non è passato inosservato. Le condizioni degli imprenditori italiani hanno avuto un ruolo primario. Ma alcuni rumors raccolti all'interno dell'agenzia ipotizzano anche un'altra motivazione. Il mandato di Befera si sta avvicinando alla scadenza naturale per raggiunti limiti di età e non è escluso che il direttore dell'Agenzia delle Entrate stia puntando su una nuova immagine per aprirsi la strada verso la presidenza di una banca. E c'è chi ricorda che il cammino di Befera è partito proprio da un istituto di credito, Efibanca.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
equitaliasanzionibefera
i più visti
in evidenza
Neve e gelo all'assalto dell'Italia Le previsioni sono da brivido

Meteo, offensiva siberiana

Neve e gelo all'assalto dell'Italia
Le previsioni sono da brivido


casa, immobiliare
motori
Audi rinnova la  partnership con Cortina per valorizzare l’ecosistema montano

Audi rinnova la  partnership con Cortina per valorizzare l’ecosistema montano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.