A- A+
Economia

 

Fiat/ Giù gli utili di Chrysler. Ma Marchionne conferma i target

Il Gruppo Fiat ha chiuso il primo trimestre con un utile netto di 31 milioni di euro, in calo rispetto ai 262 milioni di euro nel primo trimestre 2012, rideterminati a seguito dell'adozione dell'emendamento allo IAS 19.

La quota di risultato attribuibile agli azionisti della capogruppo e' una perdita di 83 milioni di euro (un utile di 35 milioni di euro nel primo trimestre del 2012). Per Fiat esclusa Chrysler la perdita netta e' in calo di 41 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2012, attestandosi a 235 milioni di euro. Il Gruppo conferma comunque gli obiettivi per il 2013, con ricavi nell'intervallo tra 88 e 92 miliardi di euro; un utile della gestione ordinaria nell'intervallo tra 4 e 4,5 miliardi di euro; un utile netto nell'intervallo tra 1,2 e 1,5 miliardi di euro e un indebitamento netto industriale di circa 7 miliardi di euro.

I ricavi del Gruppo sono stati pari a 19,8 miliardi di euro, in calo del 2% in termini nominali ma in linea con lo stesso periodo dello scorso anno a parita' di cambi di conversione. L'utile della gestione ordinaria del primo trimestre 2013 e' stato pari a 618 milioni di euro, in calo rispetto agli 806 milioni di euro nel primo trimestre 2012, rideterminati a seguito dell'adozione dell'emendamento allo IAS 19.

L'indebitamento netto industriale al 31 marzo 2013 era pari a 7,1 miliardi di euro, in crescita rispetto ai 6,5 miliardi di euro di fine 2012. Per Fiat esclusa Chrysler il debito netto industriale era di 5,7 miliardi di euro con un aumento di 0,7 miliardi di euro rispetto a fine 2012 dovuto interamente agli investimenti del periodo; tuttavia la crescita del debito netto industriale nel trimestre si e' dimezzata rispetto a quella registrata nel primo trimestre del 2012. Chrysler ha ridotto il proprio debito netto industriale di 0,1 miliardi di euro a 1,4 miliardi di euro, con oltre 1 miliardo di euro di cash flow operativo in parte compensato da investimenti per 0,9 miliardi di euro.

Tags:
fiatchryslersergio marchionneutili
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022

Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.