A- A+
Economia
Fisco, Equitalia riapre le rateizzazioni

Nuova chance per chi ha perso la possibilita' di pagare a rate le cartelle di Equitalia. I contribuenti che alla data del 22 giugno 2013 sono decaduti dal beneficio della rateazione - perche' non in regola con i pagamenti - possono richiedere fino a un massimo di 72 rate (6 anni) presentando la domanda entro il prossimo 31 luglio. Lo comunica Equitalia in una nota. Le rateizzazioni si confermano la soluzione piu' adottata da famiglie e imprese per pagare le cartelle di Equitalia.

Ad oggi ne risultano attive 2,3 milioni per un importo di oltre 25 miliardi di euro. Ci sono pero' alcuni limiti, spiega Equitalia, rispetto alle regole generali sulla rateizzazione: il nuovo piano concesso non e' prorogabile e decade in caso di mancato pagamento di due rate anche non consecutive (anziche' 8 rate). "Dalle nostre stime emerge un importo di circa 20 miliardi di euro che potrebbe essere rimesso in rateizzazione - dice l'amministratore delegato di Equitalia, Benedetto Mineo - Il provvedimento va incontro alle esigenze dei contribuenti in difficolta', che possono usufruire di nuove condizioni favorevoli per i pagamenti, garantendo al contempo il recupero degli importi dovuti all'Erario, all'Inps, ai Comuni e ai vari enti pubblici creditori".

Tags:
fiscoequitalia
S
i più visti
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente


casa, immobiliare
motori
Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.