A- A+
Economia
Germania, disoccupati raus . Assist della Merkel agli euroscettici in Zona Cesarini

di Andrea Deugeni
twitter
@andreadeugeni

Disoccupati raus! E meno male che fa parte dei Cristiano Democratici (Cdu) aderente al blocco di centro dei Popolari europei. Il numero uno della Cdu Angela Merkel, nonchè Cancelliera della Germania felix, assomiglia invece sempre di più a un leader di estrema destra: quelli per intendersi al biondo ossigenato olandese Geert Wilders o al defunto austriaco Jörg Haider, caratteristica che  non fa certo dormire sonni tranquilli a quanti stanno sudando sette camicie (e dovrebbe fare qualche sforzetto anche Frau Angela) per arginare il pericolo dell'euroscetticismo e costruire così, mattoncino dopo mattoncino, gli Stati Uniti d'Europa, sfruttando il ruolo pivotale proprio della Germania felix.

Hollande MerkelFrancois Hollande e Angela Merkel
 

E invece, il rigore teutonico ottuso, che rischia di essere un autogol per i partiti euroconvinti proprio alla vigilia di queste importanti elezioni Ue (domenica), ha colpito ancora (al cuore dell'Europa). In che modo? Il governo Merkel ha invocato infatti una drastica misura per arginare un fenomeno che a Berlino e dintorni è noto come turismo del welfare (Sozialturismus). Un ventaglio di provvedimenti, la cui ratio è abbastanza condivisibile visto che mira a cacciare i cittadini continentali che hanno fatto armi e bagagli o fanno i pendolari transfrontalieri apposta per truffare il ricco e generoso welfare tedesco. Peccato che sparando nel mucchio, la ragazza venuta dall'Est (così l'ex Cancelliere Helmut Kohl chiamava la giovane delfina Merkel) pecca di lungimiranza, finendo per colpire anche quegli immigrati comunitari che, cercando lavoro e non riuscendo a trovarlo dopo sei mesi, saranno costretti a dire addio al sussidio di disoccupazione e accompagnati gentilmente alla porta.

C'è di più: con il mega-raus che Angela Merkel ha pure infelicemente annunciato sentenziando: "L'Unione Europea non è un'unione sociale. Non vogliamo pagare l'Hartz IV ai cittadini europei che sono in Germania solo per cercare un lavoro" (un bel tacer...), Berlino ha inferto un doppio colpo all'Unione Europea, assaltando il trattato di Schengen nella parte che prevede la libera circolazione delle persone su tutto il territorio comunitario.

germania
 

Povera Europa, perché se agendo in questo modo la Cancelliera vuole dare una stretta gli abusi come ad esempio la ricezione del Kindergeld, ovvero un assegno di 180 euro al mese per ogni figlio di lavoratore (nel 2012 cben 600 milioni di euro sono finiti oltre confine), insieme a quelli che rischieranno il carcere fino a tre anni ed espulsi una volta pizzicati a fornire dati falsi per accedere alle prestazioni di assistenza o a contrarre matrimonio solo per acquisire la cittadinanza tedesca, finiranno penalizzati anche gli onesti cittadini europei costretti a richiedere un sussidio perché temporaneamente senza lavoro in Germania.

Un tempismo decisamente non perfetto e che contribuirà ad alimentare il sentimento anti-tedesco nel Vecchio Continente (in Grecia ne sanno qualcosa): l'economia teutonica marcia a gonfie vele (nel primo trimestre è cresciuta in controtendenza di un +0,8% congiunturale e di un +2,5% annuale) e nel 2013 è stata la meta Ocse preferita dagli immigrati (1,22 milioni), seconda solo agli Stati Uniti. Un Eldorado gettonato anche da 32 mila emigranti italiani (+51% rispetto al 2012).

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
germaniamerkelwelfare
i più visti
in evidenza
E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

Corporate - Il giornale delle imprese

E-Distribuzione celebra Dante
Il Paradiso sulle cabine elettriche


casa, immobiliare
motori
Stefano Accorsi porta in pista la nuova Peugeot 908 9X8 Hypercar

Stefano Accorsi porta in pista la nuova Peugeot 908 9X8 Hypercar

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.