A- A+
Economia
Lo stallo Ue-Grecia zavorra le Borse. I tassi dei bond di Atene verso il 20%

Il futuro di Atene e dell'Eurozona intera si gioca a Bruxelles tra i tavoli dei ministri delle Finanze dell'area euro euro e quelli dell'Unione europea. L'incontro di lunedì si è risolto in un nulla di fatto con uno strappo che rischia di allontanare le posizioni. Le proposte dell'Ue ad Atene di estendere il piano di aiuti sono tornate al mittente definite come "inaccettabili", ottenendo come risposta solo un ultimatum fino a venerdì prossimo. Il tempo però stringe, perché il programma di aiuti termina a fine febbraio e la Grecia rischia di non poter più far fronte alla spese correnti dalla fine di marzo.

Nonostante tutti gli addetti ai lavori restino moderatamente fiduciosi: secondo il ministro Pier Carlo Padoan l'uscita della Grecia dall'euro è fuori discussione. Secondo il ministro delle Finanze greco, Yanis Varoufakis la Ue "continuerà a cercare l'accordo migliore non solo per gli olandesi o per i greci ma per tutti", ma il ministro olandese e presidente dell'Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, ha risposto: "Spero che la Grecia chieda un'estensione del programma. E una volta che l'avranno fatto potremmo accordare la flessibilità all'interno del programma, in cui potrà inserire le proprie priorità politiche. Spetta ai greci decidere, noi siamo pronti a lavorare con loro". Duro il ministro tedesco Woflgang Schaeuble secondo cui il governo di Atene è "irresponsabile".

In questo contesto, come detto, le Borse si muovono con cautela, ma senza il temuto crollo. Il dato più atteso di giornata riguardava l'indice Zew, che misura l aspettative degli investitori tedeschi: sale a febbraio a 53 punti da 48,4 di gennaio, segnando i massimi da un anno a questa parte ma sotto le attese degli analisti che puntavano su un rialzo a 55 punti. La bilancia commerciale italiana registra un attivo record, mentre nel pomeriggio dagli Usa arriverà l'indice manifatturiero Empire state per il mese di febbraio (agenda). Milano gira in rialzo dello 0,1% come Londra, Parigi arretra dello 0,7% in linea con Francoforte. Affonda ancora Atene, che cede il 3,5%, mentre lo spread sui titoli a tre anni vola a mille punti con un rendimento vicino al 20%. Lo spread a 10 anni tra Btp e Bund tedeschi è stabile in area 130 punti con i titoli italiani che rendono l'1,63%. L'euro è in apprezzamento a 1,1392 sul dollaro.

La Borsa di Tokyo ha recuperato le perdite segnate in avvio e terminato gli scambi a -0,10%. L'indice Nikkei scivola di appena 17,68 punti, attestandosi a quota 17.987,09, anche grazie al contestuale indebolimento dello yen contro le principali valute e al rientro delle prese di beneficio, scattate dopo che i listini sono saliti ai massimi da luglio 2007.

Sul fronte delle materie prime, dopo tre giorni di rialzi dovuti alle incertezza della vicenda greca l'oro arresta la sua corsa e cede lo 0,5% a 1226 dollari l'oncia. Il petrolio, invece, è in rialzo sull'ottimismo di diversi paesi Opec sui dati della produzione di greggio, che dovrebbe essere inferiore alle stime: il Wti del Texas avanza a 53,19 dollari con un aumento di 41 centesimi rispetto alla chiusura di venerdì (ieri i mercati Usa erano chiusi per festività). Cresce il Brent di 74 centesimi a 62,14 dollari.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
grecia
i più visti
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici

Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.