A- A+
Economia
Dietro Renzi c'è Donadon, Il guru veneto (H-Farm) delle start-up

Di Giovanni Iozzia

Dietro il record di Matteo Renzi (il primo presidente del Consiglio a visitare nella sua prima uscita pubblica una fabbrica di startup), c'è lui: Riccardo Donadon, un quasi cinquantenne con il look da ragazzino e i modi lievi dei veneti. Creare nuove imprese è una sua specialità da oltre 20 anni e tutta la sua esperienza, le sue ambizioni e la sua visione le ha messe in H-Farm, l'incubatore, come si dice in gergo, che ha lanciato nel 2005 a Ca Tron, provincia di Treviso, l'angolo di Veneto dove lui è nato e cresciuto. Lì dove c'era una tenuta agricola adesso c'è una fattoria tecnologica diventata meta di pellegrinaggio per gli adepti del Nuovo Movimento delle Start Up. Le fattorie ci sono ancora ma accolgono i nuovi contadini dell'innovazione che discutono di new media, web 3.0, mobile. Questo è un angolo d'oro del Nord-Est, territorio di aziende come Benetton, Geox, Diesel, Sisley, Luxottica.

La H prima di Farm sta per human. "Una volta qui c'era l'economia, nella terra", spiega Donadon. "Noi incoraggiamo la gente a tornare alle sue radici, a creare imprese rivoluzionarie in queste vecchie case, senza costruire edifici nuovi e lavorando in un modo migliore".  E' l'alternativa made in Italy ai business park ipertecnologici della Silicon Valley americana. E per questo incuriosisce e attira visitatori internazionali. Ma anche investitori. Fra i soci di Donadon ci sono Bertelsmann, la multinazionale tedesca che controlla la più grande società editrice europea di riviste (Gruner & Jahr) e più grande gruppo editoriale al mondo in lingua inglese (Random House). Normale quindi che qui abbiano investito anche imprenditori come Renzo Rosso, patron di Diesel.

Riccardo Donadon arriva da lontano.  È stato uno dei capitani coraggiosi della New Economy a cavallo tra Novecento e Nuovo Secolo, ha realizzato il suo primo sogno con E-Tree (venduta poi a Etnoteam), si è ritirato per qualche anno a fare il giardiniere nella sua terra e dal 2005 con H-Farm, fondata con Maurizio Rossi, ha continuato a seminare e raccogliere, non più piante ma imprese. Con successo. Sono cresciuti i collaboratori, la superficie, i capitali investiti, le imprese incubate.

Ma cosa fa esattamente H-Farm?  Produce nuove imprese a ciclo completo: dall'idea, all'investimento, alla realizzazione (execution), alla vendita (exit). In gergo è un venture incubator. Finora ha investito quasi 15 milioni di euro e ha fatto nascere quasi 50 "bambini".  A Ca' Tron ma anche li dove ha esportato il suo metodo, a Londra, negli Stati Uniti (San Francisco), in India (Mumbai). A loro da spazio, assistenza, mezzi per affrontare il mercato e poi, se crescono sani e forti, li lascia camminare con le loro gambe.

Il sogno di Donadon si chiama "Sile Valley", dal nome del fiume che scorre da Padova a Treviso per poi piegare verso la Laguna Veneta. Non è facile da realizzare ma lui va avanti, deciso e pacato. Convinto dell'importanza dell'economia digitale e della voglia di fare che c'è fra tanti giovani e meno giovani. Le proposte d'impresa che arrivano ogni anno sono quasi 1000, la selezione è dura. Ce la fa di solito uno su 100. E quando arriva a Ca Tron deve sottoporsi all'ultima prova sul campo: una corsa in mutande, qualunque siano le condizioni metereologiche, per conquistarsi i cubicoli, gli uffici ricavati nelle vecchie fattorie.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
renzi
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Per Nissan l'Europa sarà il primo continente per quota percentuale di vendite

Per Nissan l'Europa sarà il primo continente per quota percentuale di vendite

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.