A- A+
Economia

di Nicolò Boggian

In questi giorni si sente spesso dibattere del lavoro che c’è o che non c’è. Nel programma Quinta Colonna, Rosario Trefiletti di Federconsumatori dichiarava senza tema di smentita che il problema dei giovani, che non trovano lavoro è che “il Lavoro non c’è”, alludendo a come solo una politica industriale/monetaria può far ripartire il Paese e dare lavoro a Giovani e meno Giovani.

Non sono molto d’accordo con questa affermazione per una serie di motivazioni. Innanzitutto perché lo Stato dirigista mi sembra un po’ fuori moda e poco abile come imprenditore, secondariamente perché nelle condizioni d’ingiustizia e d’inefficienza in cui versa il nostro mondo del lavoro, mettere altra benzina nel motore significherebbe semplicemente alimentare le usuali distorsioni e sprechi. Per ultimo mi sembra un modo troppo facile liquidare la questione senza distribuire le giuste responsabilità della situazione in cui siamo giunti, anche a causa della classe Dirigente del Paese di cui Trefiletti in un certo modo fa parte.

Ci sono invece due modi di intendere il lavoro: una visione Statico/Assistenzialista e una Dinamico/Creativa. La prima intende il Lavoro come qualcosa che esiste, può essere diviso e dipende dalle risorse finanziarie che possono remunerarlo, la seconda invece considera il Lavoro come qualcosa che si crea in funzione dei problemi che risolve e dei bisogni che soddisfa.

Purtroppo in Italia prevale la prima visione che è alimentata quotidianamente dalla cultura Assistenzialista/Statalista del Paese e che sta mettendo in grande difficoltà tante persone, soprattutto Giovani.

Anche però ammettendo questa visione del Lavoro, non è per niente corretto dire che manca il lavoro, ma è più giusto dire che il lavoro che esiste è appannaggio sempre degli stessi -uomini dai quaranta ai 65 anni, con contratti ipergarantiti e stipendi e diritti quasi sempre troppo alti per quanto producono- a scapito di quanti non lo vedono neanche con il binocolo, quasi sempre giovani e donne.

Questo ha un effetto drammatico in termini di equità sociale, di efficienza e di prospettive future. Per ogni dirigente sovra retribuito ci sarebbero invece tre o quattro posti di lavoro per dei Giovani o Donne e, allo stesso modo, sostituire ogni ora di lavoro inefficiente significa dare una maggiore produttività agli investimenti e alle politiche industriali.

Questo senza considerare che chi ha energie e talento e può prendere in mano ora il Paese, avrà una difficoltà oggettiva a farlo tra vent’anni quando non avrà maturato esperienze e sarà “arrugginito” nella Disoccupazione.

Seguendo quest’argomentazione, per far ripartire il Paese è necessario dividere le occasioni di lavoro fra tutti quelli che ne hanno diritto- anche giovani e donne- toccando i diritti acquisiti di quanti guadagnano troppo per quanto producono, per “assegnarlo” a quanti hanno talento ed energie e sono tenuti costantemente “fuori dalla porta” con accordi sindacali a protezione del lavoro, blocco del turnover nella PA e con l’articolo 18 e le sentenze dei giudici del lavoro.

Male, infatti, quanto diceva la nuova Presidente della Camera, Laura Boldrini, su come non si possono toccare i diritti acquisiti dei dipendenti della Camera. Parliamo, infatti, di persone, che fanno un lavoro che si basa su un codice di comunicazione antiquato e inefficiente, di cui sono depositari, ma che in fondo non serve al Paese, ma solo alla propria auto sopravvivenza.

La seconda visione del lavoro, che in Italia è semisconosciuta, perché non è mai discussa nei dibattiti televisivi e, ancora più gravemente, nelle scuole è quella dinamica.

Sarebbe ora che spieghiamo che il lavoro non è sempre un qualcosa che piove dal cielo in modo inconsapevole, ma è una condizione che deriva dalla ricerca, dall’analisi di quello che è necessario e utile, dalla domanda di chi ne ha bisogno e dalla passione e creatività di chi lo “inventa”.

Il lavoro non si cerca s’inventa e si crea. Certo, la situazione in cui siamo sfavorisce la “creazione” di Lavoro rispetto ai più favorevoli anni del dopoguerra, ma ci sono anche ragioni di straordinario ottimismo che  derivano dalla tecnologia - Internet, telecomunicazioni, trasporti - e dalle nuove tendenze sociali - conoscenza delle lingue, confronto tra razze e popoli diversi -.

Ebbene, considerando questa seconda visione, quello che dobbiamo fare è definire un ambiente migliore per la creazione di lavoro partendo da una Scuola che introduca alla creatività e non trasmetta solo la conoscenza in modo unidirezionale, per poi abbassare i costi della Burocrazia –fra cui le leggi e i codici di comunicazione antiquati come le procedure della Pubblica Amministrazione e della Camera- e la tassazione sul lavoro che viene creato in modo innovativo.

Infine dobbiamo “liberare” quanti sono intrappolati culturalmente nella prima “visione” statica del lavoro e disincentivati da assegni di disoccupazione, mobilità e assistenzialismo per consentirgli di diventare essi stessi volano della crescita economica e della propria libertà.

Mi piacerebbe quindi sentire parlare più spesso di questa prospettiva e un po’ meno di quella della protezione dei Diritti. Probabilmente ciò non succederà fino a quando non cambieranno gli ospiti nei dibattiti pubblici e il genere e l’età media della classe dirigente del Paese, con buona pace di quanti affollano scuole, sindacati e studi televisivi.

 

Tags:
lavoromeritocrazia
i più visti
in evidenza
"Rido con Zalone, amo gli horror Only Fun? Sarà sorprendente..."

Elettra Lamborghini ad Affari

"Rido con Zalone, amo gli horror
Only Fun? Sarà sorprendente..."


casa, immobiliare
motori
Ford apre gli ordini per il Ranger Raptor di nuova generazione

Ford apre gli ordini per il Ranger Raptor di nuova generazione

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.