A- A+
Economia
berlusconi letta

Interviene il capo. Di fronte alla polemica sull'abolizione dell'Imu, è sceso in campo in prima persona Silvio Berlusconi: "L'80% delle famiglie italiane sono proprietarie della casa in cui abitano e sulla casa fondano la certezza del loro futuro - sottolinea il Cavaliere -. L'Imu sulla prima casa e sui terreni e fabbricati funzionali alle attività agricole non si deve più pagare. Dal 2013 e per tutti gli anni a venire".

Parole nette, che ribadiscono l'inamovibilità del Pdl e sono dirette al ministro dell'Economia Saccomanni e ai suoi dubbi sulla possibilità di abolire l'imposta. Letta non si scompone. E sulla tenuta della maggioranza ha commentato: "Siamo abituati a essere una nave che naviga tra tempesta e marosi, ma la nave sta dimostrando di essere più solida di quello che i nostri detrattori pensano".

Il premier derubrica poi le "polemiche a questioni di merito importanti che troveranno un loro punto di sintesi alla fine di questo mese di agosto, quando dobbiamo per forza presentare le soluzioni rispetto ai problemi in scadenza tra cui anche quello sulla tassazione della prima casa".

Strappo ricucito? Tutt'altro. Il viceministro all'Economia Stefano Fassina è durissimo: "Come può il Pdl continuare a insistere per cancellare l'Imu per tutte le prima abitazioni? Adempiere alla promessa berlusconiana vuol dire, nell'Italia 2013, costretta nei vincoli di bilancio pubblico, rassegnarsi all'aumento dell'Iva, pagata anche dai disoccupati e dai pensionati al minimo; oppure lasciare senza indennità di disoccupazione centinaia di migliaia di lavoratori e lavoratrici; o ancora abbandonare a loro stessi decine di migliaia di esodati". E il capogruppo Pd al Senato Luigi Zanda, intervistato da Affari, non sottovaluta l'intervento di saccomanni: "Il ministero dell'Economia e la ragioneria generale affermano che ci sono dei rischi di copertura per l'abolizione totale dell'Imu, evidentemente, non si può non tenerne conto". Il segretario del partito Guglielmo Epifani: "La cancellazione dell'imposta non è nel programma di governo".

I falchi del Pdl attaccano a testa bassa. Daniela Santanché, raggiunta da Affaritaliani.it, minaccia: "O si avanti come promesso o il governo cade dopo tre minuti". Dello stesso parere il senatore Pdl Maurizio Gasparri: "L'Imu sulla prima casa va abolita".

Dietro le schermaglie sulle imposte, però, s'intravede una più complessa strategia politica. Il governo non è mai stato così in bilico. E la fine di agosto è sempre più vicina. Il Tesoro sta pensando a soluzioni alternative all'abolizione totale, ma il Pdl non ne vuole sapere. Perché rischiare di far cadere il governo? Il Cavaliere, ormai incandidabile, potrebbe tentare il tutto per tutto: abbandonare la nave delle larghe intese per lanciare la figlia Marina. I berlusconiani hanno già accettato di buon grado la successione. Ora ci sarebbe anche la data: il 14 settembre la primogenita del Cavaliere potrebbe fare il suo esordio, nel giorno del rilancio di Forza Italia. Sarebbe una sorta di ritorno al futuro: vecchi simboli e nuovi Berlusconi. Con un obiettivo: il voto in autunno   


 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
imu
i più visti
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività


casa, immobiliare
motori
Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030

Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.