A- A+
Economia
Intel, il tribunale Ue conferma la multa da 1,06 miliardi, la più alta mai inflitta

Il Tribunale Ue ha confermato oggi la multa di 1,06 miliardi di euro inflitta dalla Commissione europea al gigante dei chip americano, Intel, nel maggio del 2009 per abuso di posizione dominante.

Bruxelles aveva ritenuto che il leader mondiale nel mercato dei microprocessori, alla base del funzionamento di qualunque computer, avesse messo a punto una strategia illegale tra il 2002 e il 2007 per rafforzare ulteriormente la sua posizione nei confronti del principale concorrente, AMD, a scapito anche dei consumatori.

Intel aveva presentato un ricorso al Tribunale Ue contro la decisione della Commissione, ma oggi il Tribunale di Lussemburgo ha accolto in pieno la linea di Bruxelles, respingendo "integralmente" il ricorso dell'azienda americana. Intel lamentava, tra le altre cose, il carattere sproporzionato della multa inflitta, ma il Tribunale ha invece sottolineato che "l'ammenda e' adeguata" visto che si limita al 4,15% del fatturato annuo di Intel "quindi al di sotto del tetto massimo del 10%" previsto in questi casi, precisa il Tribunale in una nota stampa.

Tags:
intelmultabruxelles
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»

Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.