A- A+
Economia
Italia, autogol sul 5G: andiamo lentissimi. Ostruzionismo degli ambientalisti

Rete 5G, Italia intrappolata tra burocrazia e regole sulle Arpa

L'Italia sul 5G, la rete ultraveloce, va dieci volte più lenta rispetto ai limiti stabiliti dall'Europa, il problema è dovuto anche all'ostruzionismo. Diverse Arpa (le agenzie regionali per la protezione dell’ambiente) - riporta Il Sole 24 Ore - non stanno "vidimando" le comunicazioni degli operatori che chiedono l’aumento di potenza. In assenza dell’atteso decreto attuativo del ministero delle Imprese e del made in Italy (Mimit) e del ministero dell’Ambiente e della sicurezza energetica (Mase), si va avanti con una procedura in deroga, gravata però da incertezze interpretative che stanno avendo l’effetto opposto a quello sperato da governo e Parlamento, ovvero servire un assist alle Telco impegnate, anche con fondi Pnrr, nella copertura del 5G.

Leggi anche: Tim senza rete: i tre assi (più uno) che Labriola ora può giocarsi

Altro che "salva antenne", il pacchetto normativo per accelerare l’installazione delle reti 5G attraverso l’innalzamento dei limiti elettromagnetici - prosegue Il Sole - si sta rivelando un boomerang. L’effetto è stato quello di scavalcare le Arpa, che con la vecchia normativa non dovevano solo “vidimare” ma istruire un vero e proprio procedimento, incassando un diritto di circa 200 euro a pratica. Di qui il perverso effetto di stallo, almeno per alcuni degli uffici interessati. Ma non è tutto. Gli operatori, infatti, contestano l’inadeguatezza delle Faq del Mimit che avrebbero dovuto fare chiarezza in merito all’astruso calcolo previsto dal nuovo Codice delle comunicazioni.






in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


motori
BMW Group: crescita record delle BEV e premium nel 1° trimestre 2024

BMW Group: crescita record delle BEV e premium nel 1° trimestre 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.