A- A+
Economia
stefano fassina

di Alberto Maggi - @AlbertoMaggi74

Giugno è arrivato e l'Imu, almeno per ora, non si paga. Ma un'altra scadenza incombe: a luglio potrebbe scattare l'incremento dell'Iva, dal 21 al 22%. Tra le ipotesi all'esame del governo, spunta quella del Pd, svelata dal vice-ministro dell'Economia Stefano Fassina ad Affaritaliani.it: "Scongiurare l'aumento dell'Iva è una priorità. Costa circa due miliardi di euro per quest'anno e più di 4 per il 2014 (ossia per un anno intero). C'è la necessità di copertura, per cui l'intervento sull'Imu deve evitare di disperdere risorse". L'idea è trovare le coperture lavorando sulla modulazione dell'Imu e lasciando fuori dall'esenzione le case di pregio: "L'imposta sul 15% degli immobili di maggior valore si traduce in un gettito di due miliardi. Si potrebbe - spiega Fassina - arrivare all'abolizione dell'Imu per l'85% delle famiglie e generare un gettito sufficiente a evitare l'aumento delll'Iva. Questa è la proposta del Pd che dobbiamo discutere con le altre forze che sostengono il governo". E la restitutuzione dell'Imu pagata nel 2012 e punto d'onore del Pdl? "Non è in agenda".

NIENTE TASSA SUI NUOVI ASSUNTI E ZERO TICKET: GLI SCONTI DEL GOVERNO LETTA

La proposta di Fassina libererebbe il governo da un paradosso. Da una parte c'è infatti l'abolizione (certa) della prima rata Imu, il cui impatto sulla crescita è marginale, per non dire nullo. Secondo la versione ufficiale del governo, ribadita dal ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato, servirebbe a "rilanciare la domanda". La stessa domanda che sarebbe frenata da un eventuale incremento dell'Iva. Ecco allora che Imu e Iva entrano in relazione, anche perché la coperta resta corta: Zanonato ha affermato che "in economia non esistono miracoli. E se rinunceremo ai 4 miliardi già messi a bilancio per l'aumento dell'Iva, dovremo trovarne altrettanti". La proposta Fassina non scongiura l'incremento, ma lo rimanda al 2014, in attesa che il Paese superi la tempesta, torni a crescere, e renda il provvedimento meno urgente. Intanto la "coperta corta" ha già avuto il suo primo effetto: costringere ad accantonare la restituzione dell'imposta sulla prima casa versata nel 2012. Con i dati Istat sempre più preoccupanti, i moniti di Bruxelles e Palazzo Koch, sembra che l'attenzione si stia spostando dagli immobili al lavoro. E' forse l'occasione per focalizzarsi su altre proposte. Giugno è senza Imu. Luglio (e l'Iva) incombono.       

 

Tags:
fassinapdivatasse

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.