A- A+
Economia
Iveco, il mercato vede rosa su Cnh. E Goldman Sachs crede in Tavares

Galassia Agnelli in grande spolvero a Piazza Affari, favorita anche dal brillante andamento del comparto auto, il migliore in Europa con un rialzo dell'1,5%. A Milano Stellantis, su cui Goldman Sachs ha avviato la copertura con un buy, sale del 3,4% a 13 euro nonostante i dati sulle immatricolazioni di gennaio, resi noti a mercati chiusi ieri, che si sono rivelati deboli in Italia e positivi a parità di giorni lavorativi in Francia, comunque con una sottoperformance in entrambi i mercati.

Sale anche la holding Exor (+2,3% a 63,7 euro) e sale soprattutto Cnh, 4% oltre 11 euro, dopo che Equita ha migliorato il rating dell'azione a buy e il target price a 14 euro. I motivi? Essenzialmente tre. Innanzitutto, la possibile M&A per Iveco con un effetto positivo sulla percezione di Cnh come holding (che è tra i motivi - precisa il broker - della sottoperformance del titolo rispetto a concorrenti come Deere). "L'intervento della politica italiana, ostile ad una cessione a cinesi, riteniamo possa influenzare l'esito finale, ma non impedire un deal", si precisa.

In secondo luogo c'è il possibile spin-off della on-highway nel caso in cui un deal Iveco non dovesse concretizzarsi: "Posticipato per la pandemia è ragionevole ipotizzarlo entro l'anno", precisa Equita. Infine arrivano "chiari segnali di ripresa del mercato agricolo: il recente rialzo dei prezzi delle commodity in Usa (da agosto granturco +70% e soia +50%) aumenta la visibilità per un rimbalzo dei segmenti più redditizi (trattori pesanti, mietitrebbie e precision farming)".

Per concludere, ipotizzando la vendita di Iveco a 3,5 miliardi, Cnh avrebbe una net cash superiore a 3 miliardi: "Riteniamo probabile un maxi dividendo, oltre 1,5 miliardi, e il resto al servizio delle acquisizioni", conclude Equita che per il 2020 prevede il rispetto della guidance e miglioramenti a partire dal 2021.  Goldman Sachs ha avviato la copertura su Stellantis assegnando rating buy e target price per il titolo quotato a Milano pari a 18 euro. Secondo la banca d'affari, il nuovo colosso auto mondiale può essere una storia attraente in ragione delle sinergie, che daranno implicazioni positive su cassa e utili.

In numeri, Goldman ritiene che ci sia una elevata probabilità che Stellantis centri il target di 5 miliardi di sinergie l'anno e ne stima 4,3 miliardi l'anno dal 2025 con 3-3,5 miliardi dal 2023-2024. Il che significa un impatto positivo sull'Ebit pro-forma 2019 di Stellantis pari a circa il 32%. Goldman ha una percezione positiva anche sotto il profilo prettamente industriale. Nei prossimi 18 mesi, osserva, Stellantis lancera' diversi nuovi modelli che potranno tradursi in un aumento degli utili.

Senza contare che il management team è specialista in turnaround e dunque - si sottolinea - c'e' una elevata probabilita' che gli asset meno performanti vengano rilanciati, a partire dall'auto europea. Infine, c'e' un tema di valutazioni, che sono attraenti rispetto ai concorrenti europei e americani e che offre al titolo un upside superiore al 40%.

Commenti
    Tags:
    stellantisjohn elkanncnhexor
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Chiara Nasti, scollatura atomica Lady Zaniolo in versione Ninja

    Diletta, Belen e... Foto-Video Vip

    Chiara Nasti, scollatura atomica
    Lady Zaniolo in versione Ninja


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Skoda Kodiaq, arriva il restyling

    Skoda Kodiaq, arriva il restyling

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.