A- A+
Economia
LuxLeaks, l'inchiesta si allarga. Anche Telecom Italia e Skype nel mirino

Non solo Apple, Amazon, Ikea, Pepsi e le altre 340 multinazionali di cui si è già scritto. L'inchiesta sugli accordi fiscali estremamente vantaggiosi offerti alle aziende dal Lussemburgo durante il governo Juncker si allarga ancora. E nell'occhio del ciclone finiscono anche Skype, Walt Disney, Telecom Italia e Koch Industries. Altri 35 colossi in totale che fanno già parlare di LuxLeaks 2.

Secondo il quotidiano belga Le Soir, nel periodo 2011-2013, quando capo del governo era l'attuale presidente della Commissione Ue, queste 35 aziende  avrebbero avuto un trattamento fiscale di favore.

Skype ad esempio pagava tasse sul 5% dei guadagni, Walt Disney Lussemburgo addirittura sullo 0,28%. A provarlo sarebbero alcuni nuovi documenti, una cinquantina, ottenuti dal Consorzio Internazionale dei Giornalisti.

Tags:
luxleaksdisneyskypetelecom italiakoch industriesjuncker

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.