A- A+
Economia

Non c'è solo Unicredit in lizza per Mps, sempre che un compratore ci sia per davvero. Anche Banco Bpm, scrive il Fatto, potrebbe essere del gioco. L’istituto nega ci siano stati contatti, anche se più rumors finanziari raccontano che il Tesoro ha sondato la banca milanese guidata da Giuseppe Castagna. Anche questa operazione, però, richiederebbe un aumento di capitale, metà del quale a carico del Tesoro. La deadline come noto è il 1 dicembre, quando servirà un miliardo per la ricapitalizzazione.

Di tempo ce n’è poco. Ieri il ceo di Mps Bastianini ha rievocato la galleria degli orrori che ha azzoppato Mps a partire dalla disastrosa acquisizione di Antonveneta nel 2008 fino ai quattro aumenti di capitale tra il 2011 e il 2017 (polverizzati, agli attuali valori di Borsa, 18 miliardi).

E ora, per liberarsi di 8 miliardi di crediti deteriorati, Mps è obbligata a un aumento di capitale da quasi un miliardo, da realizzare emettendo obbligazioni a tassi stellari che costeranno alla banca oltre 100 milioni l’anno e che andranno ad appesantire il già fragile conto economico.

Commenti
    Tags:
    mpsmefbanco bpm
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Wanda Nara, giungla "bollente" Foto che lasciano a bocca aperta

    Lady Icardi da sogno

    Wanda Nara, giungla "bollente"
    Foto che lasciano a bocca aperta


    casa, immobiliare
    motori
    Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce

    Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.