A- A+
Economia
Mps riorganizza il vertice. Bastianini prepara la vendita
Lapresse

Mentre i soci del Montepaschi bocciano in assemblea le azioni di responsabilità nei confronti degli ex vertici Alessandro Profumo e Fabrizio Viola e del Cda chieste dall’azionista Bluebell, approvano il bilancio e integrano il collegio sindacale (entrano Luisa Cevasco e Francesco Fallacara), a Siena si apre un nuovo cantiere di ristrutturazione dell’assetto organizzativo, cantiere che questa volta, dopo i numerosi tagli alla forza lavoro, riguarderà la direzione generale. Una ristrutturazione che non interesserà i dipendenti, ma che darà una sforbiciata soltanto ai livelli nella struttura centrale di coordinamento.

Il piano, spiega una fonte interna alla banca, è stato comunicato una settimana fa ai sindacati solo “per conoscenza” e le sigle lo hanno immediatamente definito inaccettabile, rispedendolo al mittente. La bocciatura, a quanto risulta, non fermerà il Ceo Guido Bastianini che intende procedere spedito per snellire prima possibile la struttura di direzione generale che vede sotto l’amministratore delegato cinque direzionichief financial officer, chief lending officer, chief commercial officer, chief operating officer e chief human capital officer. Direzioni che a loro volta si articolano in sotto direzioni. 

L’idea del Ceo è quella di creare un’unica struttura di direzione, chiamata “Chief”, che dipende direttamente dall’amministratore delegato e dal consiglio d’amministrazione, centro decisionale a cui poi faranno riferimento le strutture di primo, secondo e terzo livello. 

Dentro le strutture, secondo quanto riferisce la fonte, l’operatività sarà gestita da dei “Team”, dotati di un numero minimo di tre persone con funzioni diverse. Attraverso l'accorpamento e la riduzione dei livelli gerarchici, Bastianini punta a ottenere una maggiore flessibilità operativa e velocità gestionale dei processi decisionali della banca. La fonte riferisce che non sono escluse esternalizzazioni di alcune funzioni.

I sindacati contestano l’intervento fatto senza tener conto della soluzione scelta per il futuro della banca, perché non è ancora chiaro quale sarà la strada scelta dal Tesoro, azionista al 64,23%, per il Monte. E cioè se il gruppo verrà venduto in blocco o se, come si vocifera, si procederà più probabilmente a uno “spezzatino” degli asset.

Secondo alcune letture interne, il piano mira comunque a preparare la banca per la vendita e si fa notare come un alleggerimento ai livelli sopra la rete compatibile si compatibile soprattutto con la vendita singola di parti della rete, gli asset da valorizzare. 

@andreadeugeni

Commenti
    Tags:
    mpsriorganizzazione mpsguido bastianini mpsdirezione generale mps
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Il vaccino preferito dagli italiani? Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes

    Covid vissuto con ironia

    Il vaccino preferito dagli italiani?
    Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati

    Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.