A- A+
Economia
Nomine, la Meloni aspetta le Regionali per fare l'en-plein

Nomine, Giorgia Meloni accontenta gli alleati ma mantiene il controllo

Si dice. In questa complicata vicenda della nomina di Riccardo Barbieri a direttore generale del Tesoro ce ne sono molti di “si dice”. Alcuni li ha riportati fedelmente Dagospia, ma Affaritaliani.it può fare un passo in avanti. Per capire quanto la situazione sia stata rimescolata improvvisamente rispetto ai rumor che filtravano dalla mattina – e che davano Antonino Turicchi per certo sulla poltrona che era appena stata sfilata ad Alessandro Rivera – bisogna leggere alcuni quotidiani. Uno in particolare, che era stato molto bene informato nei giorni scorsi (anche qui, si dice, perché un giornalista sarebbe vicino a Giancarlo Giorgetti e al suo entourage) aveva dato per certo Turicchi al Mef.

Quando poi da Via XX Settembre è stato fatto filtrare il nome di Barbieri, c’è stato parecchio smarrimento in tutti i media, perfino in chi era sicuro di aver avuto la soffiata giusta dalla fonte diretta. In effetti un dialogo tra Matteo Salvini e Giancarlo Giorgetti avrebbe fatto cambiare strada improvvisamente al ministro dell’economia, che non avrebbe avuto neanche il tempo di comunicarlo ai suoi fedelissimi. Non si poteva accettare qualsiasi richiesta di Giorgia Meloni senza provare a fare un minimo di resistenza.

Perché il rischio che si venga cannibalizzati è sempre più alto. Nonostante qualche piccola flessione della popolarità a causa del mancato rinnovo del taglio delle accise sulla benzina, Fratelli d’Italia viaggia sempre intorno al 30% ed è sempre più primo partito nel nostro Paese. E la premier vuole cavalcare questo rapporto di forza gestendo la partita delle nomine in prima persona.

Se, come sembra, Antonino Turicchi dovesse diventare il nuovo direttore generale del Mef con deleghe alle partecipate, la Meloni otterrebbe un doppio vantaggio. Primo: avrebbe ottenuto l’allontanamento di Alessandro Rivera pagando un prezzo politicamente molto basso, cioè la nomina di Riccardo Barbieri con delle deleghe azzoppate; secondo: potrebbe riproporre Turicchi con un ruolo di grande importanza, cioè la responsabilità delle partecipate che, in primavera, vedranno il rinnovo del board di colossi come Eni, Enel, Poste, Terna e Leonardo.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
meloninomine





in evidenza
Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage

Ultimi scatti prima dello schianto

Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage


motori
Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.