Per segnalazioni: corporate@affaritaliani.it
A- A+
Corporate - Il giornale delle imprese
L’anno record (in negativo) dell’acqua
Siccità in Valle d'Aosta 

Il report settimanale di ANBI

In un contesto, in cui il 45% dell’Europa è in sofferenza idrica e ben il 13% del continente è colpito da siccità estrema (fonte: EDO – European Drought Observatory), le recenti piogge cadute “a macchia di leopardo” su parte della Penisola non hanno risolto i problemi dei corpi idrici italiani.

“E’ una situazione idricamente critica, che abbisognerà di tempo per essere recuperata, perché stiamo utilizzando riserve pluriennali – precisa Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI) – Serviranno condizioni meteorologiche favorevoli, ma soprattutto un territorio infrastrutturato per raccogliere ogni apporto di pioggia. Dati alla mano, sembra purtroppo che l’esperienza degli anni più recenti, caratterizzati dall’estremizzazione degli eventi atmosferici, abbia insegnato davvero poco.”

Settimana dopo settimana il report dell’Osservatorio ANBI sulle Risorse Idriche cancella certezze climatiche:    questa settimana tocca alla verdeggiante Valle d’Aosta, dove l’indice SPI (Standard Precipitation Index) a lungo termine (12 mesi) indica livelli di siccità estrema per tutta la fascia centro-meridionale della regione (fonte: Centro Funzionale Regionale), facendo tornare la mente al periodo medievale, quando in quei territori crescevano gli ulivi. Le recenti piogge hanno portato la media mensile di luglio a 25 millimetri, cioè circa il 30% di quella storica. Le precipitazioni fin qui registrate nel 2022 sono prossime ad inedite performances negative, ma le alte temperature, favorendo lo scioglimento anche delle nevi perenni, hanno per paradossale conseguenza, una delle stagioni più favorevoli per la Dora Baltea. Nel mese appena concluso la temperatura media è stata di ben 3 gradi superiore alla norma, sfiorando addirittura i 40 gradi nelle località Saint Marcel e Saint Christophe. 

“La situazione valdostana è la testimonianza di quanto si stia alzando la fascia equatoriale e di come l’acqua sia fondamentale per mantenere anche le caratteristiche paesaggistiche del territorio: per quanto belli, i panorami italiani sono apprezzati anche per i colori, che la siccità inevitabilmente impallidisce” precisa Massimo Gargano. Direttore Generale di ANBI.   

Ancora a proposito di record, la portata media del fiume Po a Pontelagoscuro (ultimo rilevamento prima del delta) è stata, in luglio, pari a 160,48 metri cubi al secondo, cioè addirittura   il 32,29% in meno del precedente record negativo di portata media mensile, registrato nel Luglio 2006; non solo: quest’anno è stato toccato anche il nuovo record di portata minima con soli 104,3 metri cubi al secondo (24 Luglio).

Tra i laghi del Nord continua a decrescere il livello del lago Maggiore (rimane solo il 10,8% di risorsa ancora utilizzabile), mentre il Lario segna --0,6% sullo zero idrometrico (nuovo apice negativo: - cm. 39.9), il Garda è al 29,3% e l’Iseo è al 5,7% del riempimento.

Il fiume Po, corroborato da temporali localizzati, ha registrato leggeri aumenti di portata, ma le rilevazioni più recenti dimostrano quanto effimeri siano i benefici, che le piogge hanno apportato (in Piemonte sono caduti circa 30 millimetri di pioggia in 7 giorni, nel Ferrarese meno di 17 millimetri in un mese…).

In Piemonte c’è da registrare solo l’incremento di oltre 27 metri cubi al secondo nella portata del fiume Tanaro, quasi azzerata la settimana scorsa, così come la Sesia. Le dighe della Baraggia Biellese e Vercellese (Ingagna, Ostola e Ravasanella) stanno trattenendo appena 4,83 milioni di metri cubi d’acqua, cioè quasi il 50% dei volumi registrati nel siccitosissimo Luglio 2017 e circa il 60% in meno della media del periodo.

In Lombardia sembra stabilizzarsi in basso la portata del fiume Adda, cui mancano, rispetto al 2021, ben mc. /sec 427, cioè quasi l’80% dei flussi (!!); in linea con questo dato, l’acqua trattenuta oggi nei bacini della regione segna -66% rispetto alla norma e -67% rispetto all’anno scorso.

In Emilia-Romagna, i fiumi appenninici restano più o meno stabili su livelli molto bassi: solo la Trebbia, sul cui bacino a luglio sono caduti circa 27 millimetri di pioggia, ha registrato un significativo incremento di portata.

In Veneto, le falde sono praticamente a secco (fonte: ARPAV): quasi ovunque i livelli sotterranei sono i più bassi dei recenti 20 anni. Le piogge cadute a luglio sono state il 41% in meno rispetto alla media storica, ma in alcuni bacini il deficit ha superato il 60% (Sile: -69%).  Le recenti piogge hanno apportato un momentaneo beneficio agli esangui corsi d’acqua, che però rimangono ai livelli più bassi in anni recenti. Il bacino del Corlo sul fiume Brenta registra il riempimento minimo dopo quelli del 2000, 2003 e 2006.

Va segnalato che sul Trentino sono caduti nei giorni scorsi tra i 30 ed i 70 millimetri di pioggia con punte di mm. 90 registrati in un solo giorno su alcune località della Valsugana.

Peggiora la situazione idrologica nelle regioni centrali, che non hanno beneficiato (o solo in maniera modesta) degli apporti pluviali, che hanno toccato territori del Nord Italia.

In Toscana, i fiumi Greve e Bisenzio sono quasi in secca, l’Arno supera di poco i 5 metri cubi al secondo, il Serchio i mc. /sec. 3, mentre l’Ombrone da un mese ha una portata inferiore al metro cubo al secondo.

Anche le Marche, che avevano sofferto meno durante l’inverno e la primavera, oggi registrano dati addirittura peggiori delle siccitose annate 2021 e 2017; emblematico è il caso del fiume Sentino, il cui livello è 10 centimetri più basso dei minimi registrati nel 2018 e l’anno scorso.

La crisi idrica dell’Umbria è ben rappresentata dal lago Maroggia, che oggi trattiene solo 1/3 dei volumi che generalmente conserva in questa stagione.

Nel Lazio i laghi calano di altri 3 centimetri, così come il fiume Tevere, il cui livello scende di un ulteriore mezzo metro in soli 7 giorni; le portate dell’Aniene sono fino al 50% inferiori alla media, mentre il Sacco continua a calare da diverse settimane.

In Molise, il livello del bacino del Liscione è calato di oltre 4 metri in un mese e mezzo.

In Campania, i livelli idrometrici dei fiumi danno informazioni diversificate: il Volturno è nuovamente in calo, il Garigliano è in aumento, mentre è stabile il Sarno; si segnalano altresì in deciso calo i volumi nei bacini del Cilento e del lago di Conza. Permane così stabile la condizione di siccità nel bacino idrografico del Liri-Garigliano e Volturno e nella bassa valle del Sele.

Infine, le disponibilità idriche negli invasi di Basilicata e Puglia sono calate, in una settimana, rispettivamente di 14,50 e 8,58 milioni di metri cubi; ciò incrementa a 45,3 milioni di metri cubi, il deficit lucano rispetto all’anno scorso, mentre nella confinante regione pugliese resta uno scarto positivo, che tocca gli 11 milioni di metri cubi sul 2021.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    acquaanbicambiamento climaticoclimasiccità




    Gli Scatti d’Affari

    Acqua Sant’Anna: inaugurata la mostra fotografica 'Acqua-Liquida bellezza'

    Gli Scatti d’Affari

    LVMH: al via il tour ‘You&ME’ per far scoprire i Mestieri d’Eccellenza

    Gli Scatti d’Affari

    Fondazione Cariparma conferma la propria crescita con un risultato di €54 mln

    Gli Scatti d’Affari

    Milano Design Week 2024, ad Alcova il pop up di Davide Longoni e MadreProject

    Gli Scatti d’Affari

    Gruppo Iren inaugura a Borgaro Torinese l’impianto ‘Circular Plastic’

    Gli Scatti d’Affari

    Zacapa rum sbarca alla Design Week milanese con 'Zacapa Soul Nest'

    Gli Scatti d’Affari

    Fidia Farmaceutici, ottenuta la certificazione per la parità di genere

    Gli Scatti d’Affari

    TIM lancia il nuovo spot della campagna 'TIM rivaluta lo Smartphone'

    Gli Scatti d’Affari

    Vueling propone le migliori destinazioni europee primaverili

    Gli Scatti d’Affari

    Europea servizi terminalistici, Augusta: aperto il nuovo Terminal containers

    Guarda gli altri Scatti
    
    in evidenza
    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

    Le foto

    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
    Matrimonio in vista? Quell'anello...


    motori
    Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

    Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.